Pistola clandestina e oltre 100 colpi in casa, anziana donna arrestata a Gioia Tauro

L’arma, nascosta in una intercapedine, è risultata avere la matricola abrasa, al fine di celarne la provenienza: disposti i domiciliari

I Carabinieri della Stazione di Gioia Tauro, nel corso di un controllo ai legali detentori di armi, hanno arrestato una donna di 78 anni del posto, accusata di detenzione illegale di armi.
In particolare, mentre effettuavano la verifica della corretta detenzione di armi presso l’abitazione dell’anziana signora, il cui marito, già detentore di armi, risultava deceduto da anni, i Carabinieri hanno rinvenuto, all’interno di intercapedine del soffitto e avvolta in un panno, una pistola marca SIG, con 103 colpi 9×21 racchiusi in un sacchetto di plastica.

La donna finisce ai domiciliari

All’esame visivo, l’arma è risultata avere la matricola abrasa, al fine di celarne la provenienza. I Carabinieri, così hanno contestato alla donna la detenzione dell’arma comune da sparo e delle munizioni, contestando inoltre la specifica violazione normativa per il possesso di un’arma clandestina.
Una volta dichiarata in stato d’arresto, la donna è stata posta agli arresti domiciliari e messa a disposizione dell’autorità giudiziaria palmese.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
È il modello che viene utilizzato per il versamento di tributi, contributi e premi e permette, nella stessa operazione, anche la compensazione di eventuali crediti
In genere avviene dopo 10 anni, ma ci sono anche casi in cui interviene prima: in quali casi succede
Da gennaio 2024 sono stati confermati 5 cinque casi nella stessa regione
L'Intervista
Lo scenario prefigurato dal docente Unical che estende il problema a tutto il Paese: "Lo Stato rischia di fallire"
l'inviato
In 200 vivono nel totale degrado in uno degli angoli più nascosti della tanto osannata Perla del Tirreno. Mezzo secolo di promesse e mancate risposte
Si tratta di due migranti di circa 30 anni, accusati di reati contro il patrimonio e la persona
Ceraso: “Oggi la mia gente ha dimostrato di non avere paura, sono orgoglioso di essere il loro sindaco”
Per ricostruire la dinamica dell'incidente sono intervenuti i carabinieri e gli ispettori dell'azienda sanitaria locale
Il racconto di un uomo di 56 anni sopravvissuto perché ha ricevuto microbiota fecale e fegato
La decisione del preside dell'Istituto Munari di Crema fa discutere ed è diventata un caso politico
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved