Più uomini e più mezzi contro i clan, ecco la nuova sede Dia: “A Catanzaro lo Stato è più forte”

All'inaugurazione del nuovo centro operativo presenti, oltre al ministro Piantedosi, anche il capo della Polizia Giannini e il direttore della Dia Vallone

Rafforzare i presidi di lotta alla criminalità e, in particolare, quelli di contrasto alla ‘ndrangheta. Con questo obiettivo è stato inaugurato questa mattina alla presenza del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi il nuovo centro operativo della Dia di Catanzaro allestito in un immobile confiscato alla ‘ndrangheta. “Segnale importantissimo perché dove prima c’era la mafia, c’era riciclaggio, oggi invece c’è la Dia e c’è lo Stato e quindi una ulteriore presenza in questo territorio”, ha detto il direttore della Direzione investigativa antimafia, Maurizio Vallone. “Ancora più importante – ha proseguito – è il fatto che da sezione questo ufficio viene passato a Centro operativo, e questo vuole dire che viene elevato di livello dirigenziale, avrà più uomini e più mezzi e più possibilità di combattere la criminalità organizzata in un territorio vasto e complesso qual è quello del Catanzarese, del Vibonese e del Crotonese. L’impegno della Dia qui da sempre è notevolissimo, e adesso lo sarà ancora di più: l’inaugurazione e l’elevazione del Centro operativo è un segnale di grande attenzione dell’intero Dipartimento e della direzione della Dia per questo territorio che – ha concluso Vallone – ha necessità di una fortissima presenza per contrastare una criminalità organizzata particolarmente aggressiva e che richiede grande professionalità per contrastarla”.

Il capo della Polizia: “Dia a Catanzaro rafforza lotta alla criminalità”

Il capo della Polizia: “Dia a Catanzaro rafforza lotta alla criminalità”

All’inaugurazione ha partecipato, tra gli altri, anche il capo della Polizia, Lamberto Giannini: “E’ stata avvertita l’esigenza forte di cercare di rafforzare ancora i presìdi di lotta contro la criminalità organizzata. Una criminalità organizzata – ha dichiarato Giannini – che non ha i confini geografici a cui siamo abituati, ma lo Stato è presente e mette in campo professionalità importanti e fa investimenti importanti per questa lotta. Ultima cosa che mi piace sottolineare – ha aggiunto il capo della Polizia – è che siamo qui in un bene confiscato, e quinci un alto valore simbolico che testimonia la presenza dello Stato e la cooperazione tra le istituzioni”.

LEGGI ANCHE | Il ministro Piantedosi a Catanzaro: “Migliori risorse destinate per la lotta alla ‘ndrangheta” (VIDEO)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’associazione catanzarese Cam Gaia: “A fianco delle vittime… non siete sole. Abbiamo mezzi e strumenti per tutelarvi” 
L'uomo si è reso protagonista di numerosi atti vandalici e anche di una serie di aggressioni nei confronti di alcuni cittadini
A bordo del veicolo tre ragazzi, uno dei quali minorenni. Feriti i due poliziotti che hanno intimato l'alt al conducente
Un velista spagnolo disperso e due diportisti soccorsi da Guardia Costiera a Roccella Ionica e Crotone
Era stato rilasciato dal carcere di Vibo con l'obbligo di dimora ma aveva fatto perdere le proprie tracce
Si tratta dell'indagine della Procura di Vibo sui rifiuti smaltiti illecitamente nei terreni agricoli. Undici gli indagati
Il suo movimento “Sud chiama Nord” accanto al candidato a sindaco di Centro Francesco Muzzopappa
La Corte di assise di Catanzaro spiega, nel motivare la sentenza, le ragioni dell'esclusione dei futili motivi e della premeditazione
Entrambi erano finiti a processo dopo una denuncia presentata dalla minoranza nel 2020. Il Tribunale di Vibo: "Il fatto non sussiste"
Superficie di 10mila metri quadrati modificata in maniera permanente tramite terrazzamenti alti più di 20 metri
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved