Polemica nel Vibonese: striscione contro violenza sulle donne rimosso dal sindaco

È accaduto Sant'Onofrio, comune a pochi chilometri da Vibo Valentia. A segnalare la vicenda è stata l'associazione "Bubini Aps"

Uno striscione esposto a Sant’Onofrio, comune a pochi chilometri da Vibo Valentia, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, è stato rimosso dal sindaco Nino Pezzo. A segnalare la vicenda è stata l’associazione “Bubini Aps”, che aveva realizzato ed esposto lo striscione con la frase “Proteggi tua figlia, educa tuo figlio”, installato nel centro del paese.

La denuncia

La denuncia

“Scriviamo a malincuore queste righe – afferma l’associazione in una nota – per denunciare quanto è accaduto nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. L’iniziativa intrapresa nasceva dalla volontà di poter sensibilizzare al meglio le persone nei confronti del delicato tema. Per evitare di commettere errori – aggiungono – era stato contattato un rappresentante dell’amministrazione comunale di Sant’Onofrio per avere maggiori indicazioni sull’iter burocratico da seguire. A tal proposito era stato richiesto di informare da parte nostra solo gli enti competenti (Polizia Locale, Area Tecnica) attraverso comunicazione scritta e Pec. Ciò che effettivamente è stato eseguito”.

La sorpresa

L’associazione, nella nota, rileva che tale idea era “stata, in prima battuta, accolta positivamente” e anche il titolare di un immobile sul quale sarebbe poi stato affisso lo striscione aveva dato il proprio assenso. E pertanto, nella mattinata del 25 novembre, in collaborazione con altre associazioni, la Bubini Aps ha allestito la piazza di nastri rossi e striscioni con vari slogan. “Si intendeva e si presupponeva di poter mantenere questi segni per tutto l’arco della giornata, ma così non è stato poiché il nostro striscione è stato rimosso da alcuni addetti comunali sotto direttiva del sindaco e a nostra insaputa”.

Il confronto con il sindaco Nino Pezzo

I rappresentanti dell’associazione fanno sapere di avere avuto “un confronto telefonico direttamente con il sindaco, Nino Pezzo, in quanto non è stato possibile avere un incontro di persona, per avere delucidazione e spiegazione della rimozione durante la quale sono state fornite varie motivazioni, tra cui il luogo non adatto allo striscione, nonché la mancata comunicazione diretta con lui stesso”. (Ansa)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Unico evento pubblico di Carnevale a Catanzaro, era inizialmente previsto per l'11 febbraio ma è stato rinviato a causa del cattivo tempo
La delegazione dei manifestanti ha portato al Vaticano la mucca Ercolina e un trattore da dare in dono al Pontefice
I vigili del fuoco sono al lavoro ininterrottamente. Annunziato lo sciopero nazionale di due ore indetto da Cgil e Uil per le morti sul lavoro
I malviventi hanno messo fuori uso le telecamere per rubare il patrimonio pubblico, provocando un danno di 80 mila euro
L'azzurro ha battuto in finale Alex De Minaur. Sarà il primo italiano a spingersi così in alto da quando esiste il ranking computerizzato nel tennis maschile
La presenza dell'arcivescovo al convegno "No all’autonomia differenziata, Si all’Italia unita dei Comuni” non è piaciuto al partito di Salvini
Il volontario 41enne regala sorrisi ai piccoli pazienti oncologici. Ha ricevuto la benedizione del Pontefice per lettera, ma lo vuole vedere di persona
“E se neanche gli arredi sono dignitosi, immaginiamo cosa accade nei settori più importanti!”, sostiene il consigliere regionale
Geograficamente la quantità di sanzioni si concentra di più a Nord, dove si paga l'84,3% dei verbali; solo il 15,7% è fra Sud e Isole
Il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria ha accolto la tesi della difesa. La casa di cura era stata accusata per smaltimento illecito di rifiuti sanitari pericolosi
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved