Calabria7

Polizia, “I cento anni dell’Aquila” in mostra a Roma

“I cento anni dell’Aquila della Polizia di Stato” è il titolo della mostra allestita ieri a Roma, sulla splendida terrazza del Pincio in occasione del 167° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato ed al cospetto delle massime autorità dello Stato.

Quattro bassorilievi raffiguranti l’evoluzione dell’emblema del corpo, realizzate dal maestro Pino Savoia, Sovrintendente Capo in forza alla questura di Cosenza e responsabile dell’Ufficio di Polizia Scientifica del Commissariato di P.S. di Corigliano-Rossano, raccontano più di ogni altro brand indendity la mission ed i peculiari compiti di questa importante istituzione nazionale.

La Polizia italiana ha mutato negli anni più volte la denominazione e l’ordinamento, pur conservando gli stessi compiti istituzionali.

Dal 1919, anno dell’introduzione dell’aquila come emblema del corpo, ad oggi si sono susseguiti:
il Corpo della Regia Guardia per la Pubblica Sicurezza; il Corpo degli Agenti P.S.; il Corpo delle Guardie di P.S. ed dal 1981 l’attuale Polizia di Stato.

È interessante notare, osservando le opere del maestro Pino Savoia come, sul petto rampante e fra le ali spiegate delle quattro aquile in mostra, gli attributi sabaudi (ovvero la corona e lo scudo crociato) abbiano lasciato il posto, nel corso del tempo, al monogramma repubblicano “R I”. Testimonianza di un percorso storico vissuto sempre in prima linea, fra la gente.

Savoia, già responsabile dell’archivio fotografico dell’Ufficio Storico della Polizia, nonché membro del gruppo di lavoro preposto alla rielaborazione delle uniformi e dei distintivi della Polizia di Stato, sottolinea quanto sia emblematico, dato che di emblemi si sta parlando, che a raccontare questa vocazione di servizio verso i cittadini sia proprio lo stemma distintivo del Corpo, capace di temprare il suo carattere identitario non nella standardizzazione dei suoi attributi iconografici, ma sulla capacità di evolversi, restando fedele alla sua funzione di baluardo della libertà nella legalità.

Oggi, questo prezioso simbolo si appresta a diventare anche distintivo di qualifica, all’interno del più ampio progetto di riordino dei nuovi segni identificativi degli appartenenti alla Polizia di Stato, come Amministrazione civile ad ordinamento Speciale.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ndrangheta, Ferro (FdI): “Pieno sostegno al lavoro di Gratteri”

Andrea Marino

Catanzaro, avvistati delfini che nuotano nel mare di Lido (VIDEO)

Matteo Brancati

Covid, la Regione stanzia 11 milioni di aiuti: fondi per Sacal e attività economiche

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content