Ponte del 25 aprile e dell’1 maggio, maxi controlli nel Soveratese: raffica di multe

Controlli sono stati effettuati lungo le principali vie di comunicazione e accesso alle località marine del territorio di competenza della Compagnia Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Soverato per il ponte del 25-28 aprile e in occasione della festività infrasettimanale del 1° maggio, vista l’importante affluenza turistica, hanno intensificato i servizi di controllo del territorio su tutto il litorale.

Nel complesso, l’attività di natura preventiva ha visto coinvolte molteplici pattuglie. Controlli sono stati effettuati lungo le principali vie di comunicazione e accesso alle località marine del territorio di competenza della Compagnia Carabinieri, in particolare modo a Soverato, nondimeno verso i Comuni collinari cd. delle “pre-serre”, meta di gite e pic-nic. Sono stati pattugliati con attenzione i principali luoghi legati alla movida giovanile, in particolare nella fascia oraria serale/notturna, prendendo contatti con gli esercenti e presidiando inoltre l’area del lungomare di Soverato, dove si è svolto un motoraduno nella giornata del 1° maggio.

Nel complesso, l’attività di natura preventiva ha visto coinvolte molteplici pattuglie. Controlli sono stati effettuati lungo le principali vie di comunicazione e accesso alle località marine del territorio di competenza della Compagnia Carabinieri, in particolare modo a Soverato, nondimeno verso i Comuni collinari cd. delle “pre-serre”, meta di gite e pic-nic. Sono stati pattugliati con attenzione i principali luoghi legati alla movida giovanile, in particolare nella fascia oraria serale/notturna, prendendo contatti con gli esercenti e presidiando inoltre l’area del lungomare di Soverato, dove si è svolto un motoraduno nella giornata del 1° maggio.

Nel corso dei controlli i militari dell’Arma di Soverato hanno sorpreso un giovane guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche; in altra circostanza un automobilista si è rifiutato di sottoporsi agli accertamenti finalizzati alla verifica dello stato di influenza dell’alcool. Per entrambi la patente di guida è stata ritirata. A seguito di sinistro stradale, a Montauro, il conducente di un veicolo, in evidente stato di alterazione psicofisica, sottoposto ad accertamenti sanitari per constatare la probabile assunzione di sostanze stupefacenti, è risultato positivo. Anche in questo caso, la patente di guida è stata ritirata, il mezzo sequestrato per la successiva confisca ed affidato ad una depositeria convenzionata.

Durante un controllo alla circolazione stradale, in Montepaone lido, un automobilista, in palese stato di alterazione psicomotoria, si è opposto ad effettuare accertamenti sanitari per verificare l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti. La sua patente di guida è stata ritirata. Nel corso di un altro controllo, a Soverato, è stato identificato un soggetto già destinatario della misura del foglio di via obbligatorio per tre anni da quel centro, pertanto nei confronti di costui si è proceduto alla segnalazione alla competente Autorità. In due distinte occasioni, altrettanti individui sono stati trovati immotivatamente in possesso, sulla pubblica strada, rispettivamente di un coltello a serramanico e di due coltelli a scatto con lama superiore a 4 cm., occultati nelle tasche. Tale condotta è punita con l’irrigazione di un’ammenda, nei casi cosiddetti di “lieve entità”, ai sensi dell’art. 4 della Legge 18 aprile 1975 nr.110.

È anche stato scoperto l’autore del furto di un marsupio con vari effetti personali e la somma contante di 200,00 euro, ai danni di un giovane, tramite la disamina dei frame dei sistemi di videosorveglianza esistenti in zona. Inoltre, a Soverato, sono state identificate due persone che si sono introdotte arbitrariamente in un pubblico esercizio a carattere stagionale, danneggiando poi alcune suppellettili presenti, per motivi in fase di approfondimento.

Nel più ampio monitoraggio predisposto sul litorale sono stati identificati e segnalati alla Prefettura di Catanzaro, ai sensi dell’art. 75 DPR 309/90 (Condotte integranti illeciti amministrativi), ben dodici soggetti, perlopiù giovani, poiché trovati in possesso complessivamente di oltre 8 grammi di sostanze stupefacenti del tipo “marijuana” e “hashish”. Di assoluta rilevanza è stata l’attività di prevenzione svolta dai militari della Compagnia dei Carabinieri di Soverato, con il prezioso quanto irrinunciabile supporto delle Stazioni dipendenti, diffuse nei 23 comuni del comprensorio, che hanno elevato più di 30 sanzioni amministrative, ai sensi delle norme del Codice della Strada, in alcuni casi anche con sequestri amministrativi dei mezzi e la sottrazione di 39 punti sulle patenti di guida; ancora, effettuati 63 controlli a soggetti sottoposti a varie misure di restrizione della libertà e, infine, sono stati controllati 24 esercizi pubblici e in totale identificate e controllate 572 persone e 324 veicoli.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved