Ponte sullo Stretto, Webuild: “Pronti a realizzarlo in poco più di sei anni”

Il direttore dell’azienda, Michele Longo: "Progetto immediatamente cantierabile. La durata della progettazione esecutiva è prevista in 8 mesi"
Ponte sullo Stretto

Un’opera infrastrutturale strategica e volano di crescita economica, che rende possibile la creazione di uno dei più vasti sistemi metropolitani del Mediterraneo, motivando sia lo sviluppo della rete ferroviaria in Sicilia sia la realizzazione dell’asse ferroviario alta velocità/alta capacità Salerno-Reggio Calabria-Messina-Palermo. L’intervento in audizione alla Camera dell’Ingegnere Michele Longo, Direttore Ingegneria Webuild, chiarisce tutti i punti relativi al Ponte sullo Stretto, in merito alla realizzazione del collegamento stabile tra Sicilia e Calabria. “Il Ponte sullo Stretto di Messina – spiega – è un’opera altamente innovativa e sarà il più lungo sospeso al mondo, con una lunghezza totale di 3.660m e una campata di 3.300 metri.

Il Consorzio Eurolink, che si è aggiudicato la gara per la sua realizzazione e di cui Webuild è leader, è costituito da un raggruppamento internazionale di imprese tra le più qualificate al mondo nella progettazione e costruzione di ponti. La sola Webuild vanta un track record di ponti e viadotti costruiti per 1.018 km in Italia e all’estero, tra cui il Secondo e il Terzo Ponte sul Bosforo in Turchia e il Ponte Genova San Giorgio in Italia.

Il Consorzio Eurolink, che si è aggiudicato la gara per la sua realizzazione e di cui Webuild è leader, è costituito da un raggruppamento internazionale di imprese tra le più qualificate al mondo nella progettazione e costruzione di ponti. La sola Webuild vanta un track record di ponti e viadotti costruiti per 1.018 km in Italia e all’estero, tra cui il Secondo e il Terzo Ponte sul Bosforo in Turchia e il Ponte Genova San Giorgio in Italia.

“Il Ponte sullo Stretto di Messina – aggiunge Longo – è un’opera immediatamente cantierabile. Appena sottoscritto l’atto aggiuntivo per il ripristino del contratto, il progetto può partire. La durata della progettazione esecutiva è prevista in 8 mesi, mentre il tempo necessario per la costruzione del Ponte sarà di poco più di 6 anni. Webuild, in qualità di leader del Consorzio Eurolink, ha l’unico interesse di realizzare l’opera e pertanto si mette a disposizione del Paese per avviare i lavori prima possibile. “L’importo dell’opera, come soli lavori per l’attraversamento, è di 4 miliardi e mezzo, circa 40% dell’importo totale.

Il restante 60% è per un complesso di opere infrastrutturali di collegamento e di potenziamento della rete stradale e ferroviaria in Sicilia e in Calabria. Se paragoniamo questo importo con quello relativo agli investimenti desinati alla sola direttrice Alpi-Sicilia, la parte italiana del corridoio strategico europeo Scandinavia-Mediterraneo ci rendiamo conto di quanto poco significativo sia l’importo necessario per il Ponte sullo Stretto“.

Le verifiche sismiche

“Per quanto riguarda le verifiche sismiche, i risultati di tutte le indagini condotte negli anni hanno confermato che i movimenti tettonici dell’Area dello Stretto non sono in grado di indurre spostamenti superiori a qualche centimetro al di sotto delle opere relative alle torri, su entrambe le sponde, rispettando dunque tutti i criteri di progetto. Il Ponte presenta un requisito di integrità strutturale compatibile con un sisma di magnitudo 7.5, quindi superiore al sisma del 1908″.

I tempi e l’impatto occupazionale

Il Ponte è un’opera immediatamente cantierabile, perché il progetto è già stato approvato su elevatissimi standard progettuali da tutti gli enti competenti. Appena sottoscritto l’atto aggiuntivo, che consente il ripristino del contratto, il progetto può partire. La durata della progettazione esecutiva è prevista in 8 mesi mentre la durata della costruzione del Ponte sarà di 74 mesi, cioè poco più di 6 anni. Il progetto avrà un forte impatto economico e occupazionale sul territorio, con un incremento sul Pil Nazionale pari a 2,9 miliardi per anno, cioè lo 0,17% del Pil Nazionale. Con circa 300 fornitori, piccole e medie imprese del territorio, coinvolte. Si prevede un valore di circa oltre 100 mila persone potenzialmente impiegabili nel corso della vita del progetto, incluso l’indotto generato, con personale prevalentemente assunto in Regioni come Sicilia e Calabria con alto tasso di disoccupazione”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Effettuati più di 1200 tamponi. Un morto nelle ultime 24 ore
Entrambi, nel dicembre dello scorso anno, si erano resi responsabili di una violenta aggressione, avvenuta nei pressi di un locale
Nell’udienza del 13 giugno è previsto l’intervento delle altre parti civili e della difesa
I parlamentari del Pd, di M5S e di Avs, dopo la conferma del centrodestra sulla deputata di Fratelli d'Italia, sono usciti dall’aula
Alla cerimonia di intitolazione presente anche l'assessore regionale Giovanni Calabrese: "Questa intitolazione è l'emblema del coraggio e dell'impegno"
La Regione dichiara guerra agli smaltimenti illegali. "Tolleranza zero" e ferrei controlli sugli autospurghi e sui pozzi neri
Il messaggio di Elly Schlein, le frecciate al centrodestra ("solo selfie e dissesto") e la stoccata di Irto a Mangialavori: "Mance ai sindaci"
I carabinieri hanno avviato le indagini e non escludono la matrice dolosa dell'incendio. La macchine completamente distrutte
Oltre a Mariachiara Chiodo, nell'esecutivo regionale entrano anche Anna Pittelli, Pasqualino Mancuso e Luigi Muraca
"Il ministro Lollobrigida mi ha chiamato e mi ha detto che è preoccupato della messa a terra delle risorse Pnrr"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved