Porto Gioia Tauro, confermati esuberi. Prefetto chiede tavolo a Roma

Porto Gioia Tauro

Conferma la volontà’ di ricorrere alla mobilita’ per una parte dei lavoratori la Mct, società’ che gestisce le attività’ di transhipment nel porto di Gioia Tauro. Dopo la riunione svoltasi ieri in prefettura, nella mattinata di oggi, si e’ svolto, sempre nel palazzo del governo, un altro incontro convocato dal prefetto, Michele di Bari, sul futuro dello scalo marittimo.

Durante l’incontro, la società’ Mct – si legge in una nota diramata dall’ufficio territoriale del governo – ha comunicato che nei prossimi giorni avvierà’ le procedure finalizzate alla mobilita’ del personale interessato. Il prefetto, avendo già’ inoltrato la richiesta di convocazione di un tavolo governativo al ministero delle Infrastrutture, ha chiesto alla società’ Mct di differire l’avvio delle procedure di mobilita’ all’esito delle determinazioni che saranno assunte in sede ministeriale. Il Prefetto – e’ scritto infine – ha invitato i sindacati a mantenere un clima disteso, in attesa del tavolo ministeriale”. 

Durante l’incontro, la società’ Mct – si legge in una nota diramata dall’ufficio territoriale del governo – ha comunicato che nei prossimi giorni avvierà’ le procedure finalizzate alla mobilita’ del personale interessato. Il prefetto, avendo già’ inoltrato la richiesta di convocazione di un tavolo governativo al ministero delle Infrastrutture, ha chiesto alla società’ Mct di differire l’avvio delle procedure di mobilita’ all’esito delle determinazioni che saranno assunte in sede ministeriale. Il Prefetto – e’ scritto infine – ha invitato i sindacati a mantenere un clima disteso, in attesa del tavolo ministeriale”. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved