Calabria7

Positivo il servizio ristorazione dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”

E’ stato positivo l’ultimo biennio del servizio ristorazione presso l’AO “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, dopo i risultati del monitoraggio, effettuato attraverso questionari anonimi somministrati ai pazienti dei Reparti dell’Azienda in 4 semestri consecutivi (circa 400 a semestre), dal gennaio del 2017 al dicembre 2018, che ha evidenziato una percentuale di oltre il 94% di positivo gradimento complessivo del servizio.

Alimentazione e nutrizione sono importanti per il benessere dell’uomo, in quanto influenza il decorso delle malattie. Una cattiva nutrizione, ad esempio, provoca un aumento dei tempi di degenza e riabilitazione.

L’attuale servizio di ristorazione ospedaliera, ormai parte integrante del complessivo e complesso sistema di cure, è reso possibile anche grazie all’incremento di momenti di educazione-informazione del paziente sulle scelte alimentari in rapporto alla specifica patologia, alla promozione di incontri con i Coordinatori Infermieristici dei reparti.

Tutte iniziative volte ad affrontare le eventuali criticità e ricercare soluzioni tecniche utili a garantire una sempre maggiore qualità del servizio all’utenza.

Infatti, qualità dal punto di vista igienico sanitario, nutrizionale e dell’appetibilità, sono il frutto di uno sforzo sinergico che vede quotidianamente impegnati Direzione Medica, Servizio Dietetico, Reparti, pazienti e chiaramente Ditta in accordo con la quale sono stati elaborati menu stagionali, con prodotti freschi ed a km0, privilegiando alimenti protettivi ricchi di sostanze antiossidanti così da accelerare il processo di guarigione. Il tutto corredato da una adeguatezza della cottura e delle temperature di somministrazione.

Un esempio di buon servizio pubblico nel campo della sanità evidenziato non solo dai nostri report ma anche da un ulteriore monitoraggio terzo, e per questo particolarmente gradito, che ha riscontrato risultati eccellenti per il vitto, effettuato dall’Assemblea territoriale di Catanzaro Cittadinanzattiva – Tribunale per i diritti del malato di Catanzaro e coordinato dalla Dott.ssa Emilia Celia (in foto insieme al Dott. Gianluca Raffaele ed alla Dott.ssa Rita Mauro).

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Lido non è quartiere a vocazione turistica, non avevo capito niente”

manfredi

Assegnazione “Curvatura Biomedica” all’Istituto Fermi di Catanzaro

Mirko

Scuole di Specializzazione, minoranza in Comune presenta risoluzione in loro difesa

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content