Calabria7

Prati-Caltagirone, tanta Calabria nel caso di gossip più discusso d’Italia

La storia di Pamela Prati, del finto matrimonio e del caos creato intorno a quello che può essere considerato il tema di gossip più discusso in Italia si colora di Calabria. E’ della provincia di Catanzaro Pamela Perricciolo, agente della Prati, è catanzarese il parlamentare di Fratelli d’Italia tirato in ballo nella storia, Wanda Ferro, presunta sposa di Mark Caltagirone e madre di Sebastian, bimbo di 10 anni, ed ora entra in scena l’esponente del Pd catanzarese, Alessia Bausone, contattata da Caltagirone via chat.

La Perricciolo ha raccontato la sua verità e le sue giustificazioni, la Ferro ha informato che ha provveduto ad inoltrare azioni legali a sua tutela, la Bausone in campo per raccontare la sua personale esperienza nella vicenda.

Ieri, in onda su Canale 5 dalla D’Urso, la Bausone ha rivelato particolari nuovi e interessanti, soprattutto sul caso di un bambino di 10 anni, Sebastian.

Anche la Bausone fu contattata da Mark Caltagirone, che le raccontò di essere sposato con la Ferro. Le parlò del figlio malato di tumore e da qui in poi lei ha iniziato ad avere dubbi.

Il suo contatto con Caltagirone è andato avanti con messaggi via chat e questo bambino, racconta la Bausone, aveva un profilo Facebook nel quale accusava la Ferro, sua mamma, di averlo trascurato.

Una storia che assume caratteri che oltrepassano il gossip incarnandosi in una truffa. Chi è la mente? Anche i protagonisti catanzaresi non sono lì per caso? Cosa c’è dietro a tutto questo?

Si tratta di una storia inventata, di una truffa o di un caso politico? Lo scopriremo di certo prossimamente, perché questa storia avrà di certo sfumature ulteriori, anche e soprattutto giudiziarie.

Rivedi la puntata su Mediaset Play

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, commissione politiche sociali visita canile di San Floro

Matteo Brancati

Mensilità non corrisposte, sciopero dei lavoratori della mensa dell’ospedale di Lamezia

Acqua, interrotta erogazione nel quartiere Mater Domini di Catanzaro

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content