Calabria7

Precari storici della Regione, i sindacati: “Che fine ha fatto il tavolo negoziale?”

lega calabria

“Mentre in Cittadella regionale alcuni esponenti politici convocano assemblee e riunioni per alimentare ulteriori illusioni su nuovi bacini di precari, immaginando magari di poterli collocare ancora una volta nel grande e appetibile ventre della Pubblica Amministrazione, senza considerare l’esigenza di misurarsi con il complesso impianto normativo e i vincoli di bilancio che disciplinano e condizionano, limitandolo, il reclutamento di personale nei pubblici uffici, i lavoratori rientranti nel precariato storico della Giunta regionale sono ancora in attesa di un tavolo tecnico di confronto con il direttore generale del Dipartimento delle Risorse umane, che avrebbe dovuto essere convocato lo scorso 31 marzo” . Lo affermano i segretari generali Alessandra Baldari (Fp Cgil), Luciana Giordano (Cisl Fp) ed Elio Bartoletti (Uil Fpl) e i segretari aziendali Giunta regionale Calabria Ferdinando Schipano (Fp Cgil),  Giuseppe Spinelli (Cisl Fp), Walter Bloise (Uil Fp), i quali, insieme  alle rispettive segreterie aziendali, più volte hanno sollecitato un Tavolo che ancora però non è stato ancora convocato.

Le scuse per evitare il confronto con i sindacati

“Inerzia che desta non poche perplessità e preoccupazioni, vista l’impellente esigenza di effettuare un distinguo sulle varie galassie che compongono l’universo dei lavoratori ‘utilizzati’ e ‘precari’ che a vario titolo ma con sostanziali differenze giuridiche sono incardinati, da anni, nei Servizi e negli Uffici della Giunta regionale. E’ da tempo che le tre Sigle confederali del pubblico impiego chiedono che si metta ordine fra le varie fattispecie di lavoratori che gravitano nei vari Dipartimenti della Giunta regionale ed è da molto tempo che chiedono di dare futuro e stabilità lavorativa a quei professionisti che sono ormai incardinati funzionalmente in settori strategici dell’Ente, tanto da essere considerati indispensabili per il buon andamento dei servizi in cui operano. L’elaborazione del Piano del fabbisogno del personale della Giunta regionale e i conseguenti calcoli aritmetici per far rientrare il numero di personale da assumere nei parametri dettati da una normativa stringente e spietata non possono costituire una perenne scusante per evitare il confronto con le organizzazioni sindacali”. “I bisogni legati alle esigenze contingenti del particolare momento emergenziale, che impongono il perfetto funzionamento di tutti gli Enti pubblici, non ammettono una politica del personale fondata su una “melina” senza fine. Si convochi, dunque, immediatamente il Tavolo di confronto e si inizi a dare risposte a quei Lavoratori che da troppo tempo stanno aspettando un segnale di attenzione nei loro riguardi ma che, soprattutto- concludono i sindacati- hanno maturato i requisiti e le professionalità per poter ricevere il pieno ed effettivo riconoscimento dello status giuridico di dipendente pubblico”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, appello al presidente Santelli: “Blocchi decreto passeggiata genitori-figli”

Matteo Brancati

Statistiche, in Calabria calano a 713 i casi positivi

manfredi

Ospedale di Lamezia, De Biase invita Mascaro a incontrare Speranza

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content