Prefettura Cosenza: onorificenze per quattro cittadini benemeriti

cosenza usura

Si è svolta oggi nella Prefettura di Cosenza la cerimonia di consegna dei decreti di autorizzazione a fregiarsi dell’onorificenze dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro, conferiti da Sua Eminenza Reverendissima il Cardinale Gran Maestro dell’Ordine. “L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme è l’unica Istituzione laicale dello Stato Vaticano a cui è affidato il compito di sopperire alle necessità del Patriarcato Latino di Gerusalemme – si legge in una nota diffusa dalla Prefettura – e di tutte le attività ed iniziative a sostegno della presenza cristiana in Terra Santa”. A ricevere l’importante riconoscimento di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro sono stati Rocco Carricato, nato a Rose il 18 novembre 1936 ed Aldo Scarpelli, nato a Cosenza il 2 gennaio 1943. Sono stati autorizzati a fregiarsi dell’onorificenza di Commendatore Francesco Perri, nato a Rende il 30 ottobre 1952, ed Antonio D’Elia, nato a Cosenza il 6 aprile 1976.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved