Pregiudicati e ‘ndranghetisti con il reddito di cittadinanza a Vibo, sequestri per 200mila euro

Decreto di sequestro preventivo nei confronti di 28 persone tra cui esponenti di spicco e affiliati alle cosche vibonesi, già coinvolti nelle operazioni “Costa Pulita”, “Ossessione”, “Cerbero” e “Rinascita Scott”
reddito di cittadinanza Vibo

I militari del Comando provinciale della guardia di finanza di Vibo Valentia, in sinergia e collaborazione con l’Inps, hanno avviato specifici controlli finalizzati a contrastare le condotte di indebita richiesta, percezione e fruizione di prestazioni sociali agevolate, con specifico riferimento al reddito di cittadinanza. Tale sostegno economico, introdotto a decorrere dal mese di aprile 2019, quale misura di contrasto alla povertà, volta al reinserimento nel mondo del lavoro e all’inclusione sociale, spetta ai cittadini in possesso di specifici requisiti personali, reddituali e patrimoniali.

Il reddito di cittadinanza non può essere erogato a nuclei familiari i cui componenti siano sottoposti a misure cautelari o condannati per reati gravi. Gli accertamenti di polizia giudiziaria, svolti nell’ultimo periodo dalle fiamme gialle di Tropea, hanno consentito di segnalare all’autorità giudiziaria molteplici persone che, in prima persona o attraverso i propri familiari, avevano chiesto ed ottenuto dall’Inps il reddito di cittadinanza, omettendo di dichiarare l’esistenza di condanne ostative (anche associazione di tipo mafioso) o misure cautelari personali.

Il reddito di cittadinanza non può essere erogato a nuclei familiari i cui componenti siano sottoposti a misure cautelari o condannati per reati gravi. Gli accertamenti di polizia giudiziaria, svolti nell’ultimo periodo dalle fiamme gialle di Tropea, hanno consentito di segnalare all’autorità giudiziaria molteplici persone che, in prima persona o attraverso i propri familiari, avevano chiesto ed ottenuto dall’Inps il reddito di cittadinanza, omettendo di dichiarare l’esistenza di condanne ostative (anche associazione di tipo mafioso) o misure cautelari personali.

Decreto di sequestro preventivo nei confronti di 28 persone

Di conseguenza, il procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Camillo Falvo, ha chiesto al gip l’emissione di un decreto di sequestro preventivo, avente per oggetto la somma di circa 212.000 euro, quale profitto illecito derivante dalla commissione del reato, nei confronti di 28 persone, tra cui anche esponenti di spicco e affiliati alle cosche vibonesi, già coinvolti nelle operazioni “Costa Pulita”, “Ossessione”, “Cerbero” e “Rinascita Scott”. A seguito dell’emissione del provvedimento, i militari della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione al decreto cautelando il denaro depositato sui conti correnti e notificandolo alle persone implicate.

La Procura della Repubblica e la Guardia di Finanza proseguiranno l’azione di contrasto ad ogni forma di illecito nel settore della spesa pubblica, a tutela dell’economia, finalizzata reprimere condotte illegali dall’elevato disvalore sociale, in quanto tese a sottrarre risorse alle fasce più bisognose della popolazione, in un periodo di grave crisi a causa dell’emergenza da Covid, a beneficio di non aventi diritto anche appartenenti alla criminalità organizzata.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Dai verbali non emergono violenze o costrizioni, ma per il gip "basta il rapporto di affidamento" tra insegnante e allieva "per neutralizzare l'efficacia del consenso"
Rimasta ferita anche una bambina, trasportata con l'elisoccorso all'ospedale
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved