Premio “Merini”, domani la consegna delle targhe di argento realizzate da Michele Affidato

Quest’anno, a ricevere il prestigioso riconoscimento saranno: Vincenzo Iozzo, Annibale Notaris e Mauro Rechichi

Ideato da Vincenzo Ursini e realizzato dall’associazione culturale “Accademia dei Bronzi” della quale egli è ora presidente, il premio Alda Merini, giunto ormai alla undicesima edizione, si conferma come uno dei più seguiti concorsi internazionali di poesia, visto che ogni anno vi partecipano autori di varie nazionalità. Ma il “Merini” non è solo un premio di poesia. Ogni anno, infatti, l’Accademia dei Bronzi assegna tre targhe d’argento, realizzate da Michele Affidato, riservate al mondo dell’informazione e della cultura del territorio. Quest’anno, a ricevere il prestigioso riconoscimento saranno: Vincenzo Iozzo per il giornalismo, Annibale Notaris per il settore radiotelevisivo e Mauro Rechichi, medico-scrittore. Cerimonia di consegna domani 28 luglio, a partire dalle ore 10,00, presso la chiesa parrocchiale di Botricello. “L’adesione sin dall’inizio al nostro concorso dell’orafo Michele Affidato – ha sottolineato Ursini – ci ha consentito di mettere in palio premi di alta qualità, apprezzati da tutti i vincitori per la loro eleganza e la indiscussa originalità”.

Una delle targhe al giornalista Vincenzo Iozzo

Una delle targhe al giornalista Vincenzo Iozzo

Vincenzo Iozzo è stato premiato “per la sua eccellente capacità di gestire le informazioni ricevute, attraverso la verifica attenta delle fonti, senza mai alterarne i contenuti e suggerendo ai lettori spunti di distaccata e autonoma riflessione”. Nato nel 1960, Iozzo vive e lavora a Chiaravalle Centrale dove è dirigente di ragioneria presso il comune. La sua prima esperienza giornalistica è del 1979 quando, per dare voce al vasto e difficile comprensorio delle Preserre, inizia a collaborare con “Radio Libera Chiaravalle”. Oltre al radiogiornale quotidiano, molto seguite sono state le sue dirette dai consigli comunali. Dal 1982 inizia a collaborare con il quotidiano “Gazzetta del Sud” e ottiene l’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti della Calabria. Da allora scrive di cronaca nera, politica, sport, attualità e cultura, offrendo significative potenzialità di crescita a tutte le associazioni e agli studiosi del territorio. Relativamente allo sport, con la promozione in C/2 della locale squadra di calcio, l’Adelaide, ha collaborato anche con la “Gazzetta dello Sport”, “La Gazzetta del Mezzogiorno”, l’agenzia Rotopress e alcuni canali televisivi regionali. Dal 1990 al 2011 è stato, infine, direttore del Tg di Telejonio. il giornalismo rimane la sua grande passione.

Seconda targa per l’innovazione della comunicazione di Anita Epifano

Il premio per il settore radiotelevisivo è stato assegnato al Gruppo editoriale ADN Italia di Annibale Notaris. A ritirare la targa d’argento sarà la dottoressa Anita Epifano, direttrice editoriale del Gruppo. Notaris è stato premiato “per la sua capacità di innovare, lungimirante nel creare e sviluppare un polo di comunicazione unico nel Meridione, un sistema leader per numero di telespettatori e radioascoltatori. Da un’eccellenza meridionale ad una sfida nazionale. Da oltre 40 anni, il Gruppo ADN Italia, si occupa del settore radiotelevisivo. Anni di duro lavoro e di investimenti ma soprattutto progetti unici ed esclusivi hanno consentito, di recente, la sua espansione sul territorio nazionale. Tutto questo grazie ad Annibale Notaris, editore aperto verso le nuove tecnologie ma soprattutto molto accorto, al fine di fornire ai fruitori dei mass media contenuti di notevole spessore culturale”.

Al medico-scrittore Mauro Rechichi per la terza targa

La terza targa d’argento è stata assegnata al medico-scrittore Mauro Rechichi “per per aver promosso e sostenuto, attraverso specifiche manifestazioni e pubblicazioni di carattere storico-antropologico, l’arte medica e le tradizioni della sanità calabrese, tramandando alle nuove generazioni storie umane e professionali di indiscussa professionalità”. Nato a Brancaleone il 13 settembre del 1939, Mauro Rechichisi laurea in Medicina e Chirurgia a Messina. Si specializza in Anestesia a Catania, in Rianimazione a Bari e in Pneumologia a Messina. Nel 1977 vince il concorso per il Centro di Ri­animazione Respiratoria dell’Ospedale “Ciaccio” e, subito dopo, supera quello per primario di ruolo di Anestesia e Rianimazione. Direttore del Dipartimento “Emergenze-Urgenze” dell’Azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio”, lascia il servizio il 30 settembre del 2006 per raggiunti limiti di età. Come scrittore, Rechichi ha ideato nuove forme di divulgazione scientifica creando cortometraggi con gli attori del “Teatro Azione” di Nino Gemelli e del “Teatro di Soverato” del dott. Francesco Leone. Ha pubblicato vari volumi, tra i quali: “Un giorno a Catanzaro: Turismo, Medicina ed Arte”,  Riflessioni in versi di un anestesista”, “Identità dell’Anestesista”, “Diario di un anno”, “Arte e satira”, “Arte e Medicina”; “Dall’ospedale vecchio al Pugliese” (I e II volume) e, recentemente, “Goliardia e politica nell’Università di Messina” (volume di 550 pagine con centinaia di illustrazioni). Presidente del Rotary di Catanzaro nel 1995, è stato insignito del premio “Paul Herris”, la più alta onorificenza istituita dal Rotary internazionale nel 1957 per ricordare il proprio fondatore.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La ragazza, che era salita da sola, è caduta nel vuoto fermandosi 150 metri più in basso
Decisivo l'intervento di un esperto maresciallo che ha convinto il ragazzo a tornare sui propri passi
Sempre riconfermato, per mandati non successivi, con percentuali 'bulgare', se n'è andato a 75 anni
Prima l'ottima reazione allo svantaggio, poi la rimonta e il nuovo pareggio dei padroni di casa. Nel finale espulsi Vivarini e Miranda
Il bene, un palazzo di più piani con vista sul mare, vedrà un nuovo capitolo con la "Casa della Legalità Piersanti Mattarella"
L'auspicio è che entrambe possano dare il meglio nel concorso europeo tra i più importanti e longevi
All'ospedale de L'Aquila c'è la nipote, l'avvocato Lorenza Guttadauro, la figlia legittima del boss Lorenza e la sorella Giovanna
Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 666 tamponi. Invariati i ricoveri
Un'altra vita spezzata sull'ormai tristemente nota "strada della morte". Avviate le indagini per chiarire le circostanze dell’incidente
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved