Occhiuto sotto tutela, la Regione noleggia un’auto più sicura per proteggerlo

La tutela è stata assegnata senza che il governatore abbia presentato richiesta
consorzi di bonifica

Preoccupazioni per la sicurezza del governatore della Calabria, Roberto Occhiuto, hanno portato la Regione a noleggiare una nuova auto più “sicura” per l’utilizzo del presidente, senza che lui abbia fatto alcuna richiesta. L’ipotesi è che i rischi per la sua sicurezza arrivino da captazioni ambientali altri elementi investigativi. Occhiuto è sotto tutela dal mese di agosto. La decisione è stata adottata a livello centrale dal Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica. La scorta è una misura che non si applica a tutti i presidenti di Regione.

Suv per 115 mila euro

Suv per 115 mila euro

Per garantire “l’incolumità” del politico, la Cittadella ha scelto un Suv noleggiato per 36 mesi al costo di 115 mila euro. La richiesta è stata fatta il 25 ottobre dal capo di Gabinetto, che ha chiesto “l’acquisizione di una autovettura di rappresentanza a uso esclusivo del presidente, di adeguata cilindrata, con elevati livelli prestazionali, dotata di standard qualitativi atti a garantire la sicurezza, l’incolumità fisica e il comfort del presidente e delle forze dell’ordine al suo seguito” nei viaggi legati alle sue funzioni istituzionali.

La casa incendiata di Occhiuto

A settembre, la casa al mare di Occhiuto nel comune di Belvedere Marittimo è stata danneggiata da un incendio appiccato in maniera dolosa. Le fiamme hanno distrutto un gazebo all’esterno della casa. “Probabilmente – ha affermato il presidente – è un incendio di vegetazione. Anche se è singolare che sia stato appiccato proprio qui, a pochi metri dalla casa”. Da tempo Occhiuto è impegnato in una campagna contro i roghi che devastano la regione. Per il vicepremier Antonio Tajani, l’episodio è stata una “grave intimidazione”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il responsabile regionale Calabria e membro della direzione nazionale dell'Udc interviene in merito ai bombardamenti su Beirut di questa notte
Lo rendono noto Pinuccia Cosmano (Filcams Cgil), Antonio Bruno (Fisascat Cisl) e Saverio Scarpino (Uil Tucs).
Smantellata un'organizzazione a delinquere composta da persone indagate per numerose ipotesi di reato
In un caso era stato installato un bypass al fine di evitare il passaggio dal contatore
Il destinatario della misura è stato condannato per associazione di tipo mafioso nell’ambito dell'inchiesta “Infinito”
Due pazienti continueranno a vivere grazie alla donazione e, quindi, al trapianto di due organi salvavita, senza i quali gli stessi avevano poche speranze
Dalle carte emerge il ruolo di uno dei due vibonesi arrestati: "cerniera" tra il gruppo degli 'esfiltratori' della cocaina e quello dei doganieri corrotti
Nel garage di casa rinvenuti 2 chili di sostanze stupefacenti tra marijuana, hashish e cocaina, tutte etichettate con il finto logo di un marchio di moda
Il gip di Reggio Calabria dispone tre arresti: due vibonesi vanno in carcere e una donna di Gioia Tauro finisce ai domiciliari
l'inviato
Negli ultimi 30 anni su questa arteria di comunicazione sono morti decine di giovani e si sono verificati oltre 2mila incidenti
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved