Calabria7

Prese a calci e a schiaffi moglie e figlia minorenne, catanzarese condannato in appello

Vessate, minacciate, schiaffeggiate, prese a calci per circa cinque mesi, senza soluzione di continuità. Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, la Corte di appello di Catanzaro, accogliendo le richieste dei difensori di parte civile, gli avvocati Eugenio Felice Perrone ed Helenio Cartaginese, ha confermato il verdetto emesso dal giudice del Tribunale monocratico Maria Cristina Flesca per G.C. 36 anni, di Catanzaro, difeso dall’avvocato Domenico Bennato, a luglio dell’anno scorso. La Corte ha inflitto all’imputato 5 anni di reclusione, “reo”, di una serie di soprusi, iniziati ad ottobre 2018 e continuati, secondo le ipotesi accusatorie con cadenza quotidiana fino a marzo 2019, un periodo durante il quale l’imputato avrebbe inflitto alla moglie e alla figlia primogenita una serie di umiliazioni.

Afferrate dal collo e maltrattate

E dalle parole G. C. sarebbe passato ai fatti: avrebbe afferrato entrambe dal collo, tirando loro i capelli, arrivando a gettare un mozzicone di sigaretta ancora acceso addosso alla moglie e avrebbe insultato e percosso la figlia, colpevole di averlo citato alla Procura dei minori. Per la pubblica accusa l’imputato avrebbe maltrattato la moglie e la figlia “con la consapevolezza di lederne l’integrità fisica e morale costringendole a vivere nel costante timore per la loro incolumità”. Vessazioni fisiche, che sono costate alla moglie “lesioni personali con le aggravanti di aver commesso il fatto contro il coniuge e in presenza di figli minori”. (g.p.)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Covid, nuovo sopralluogo di Spirlì a Villa Bianca: “Pronti i primi 14 posti letto” (VIDEO)

bruno mirante

Connext 2019, Confindustria Catanzaro presente all’evento nazionale

Carmen Mirarchi

Controlli al mercato di Crotone, sanzioni per 38 mila euro

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content