Calabria7

Prese a pugni due persone distruggendo un’ auto, assolto

lentini

Assolto per non aver commesso il fatto. Il gup del Tribunale di Catanzaro Antonio Battaglia ha scagionato Salvatore Bagnato, 39 anni di Catanzaro, giudicato con rito abbreviato, accusato di danneggiamento e rapina, accogliendo le tesi difensive dell’avvocato difensore Gianmichele Bosco, mentre il pm Stefania Paparazzo, aveva invocato, al termine della requisitoria, due anni di reclusione.

Secondo le ipotesi accusatorie, il 4 novembre 2012, Bagnato, in concorso con altre persone non identificate, avrebbe preso  a pugni Paolo Minotti, che si trovava all’interno di una Peugeot, sferrando pugni e calci all’indirizzo della macchina, danneggiando gravemente la carrozzeria e il parabrezza anteriore della Peugeot. Inoltre avrebbe afferrato la testa di Silvia Vinci che si trovava sul sedile posteriore dell’auto, schiacciandola contro il corpo di un altro passeggero che sedeva al suo fianco, sottraendole la borsa dopo averla colpita con schiaffi e pugni e aver premuto con forza il piede contro la sua gamba per impedirle qualsiasi movimento.  Accuse venute meno alla luce del verdetto del giudice.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Gli attivisti del M5S: “La maggioranza dimentica Catanzaro. Abramo è al capolinea”

Alessandro De Padova

Catanzaro, pulizia e bonifica dei canaloni e tombini al via domani

manfredi

Furti e ricettazione, 61enne di Catanzaro finisce in carcere

Alessandro De Padova
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content