Calabria7

Presi 12 cani sporchi di sangue, erano nel bosco del Catanzarese in cui è stata sbranata Simona

Dodici cani maremmani e meticci sono stati catturati nella zona di Monte Fiorino, l’area pic-nic di Satriano (Catanzaro) dove è morta la ventenne Simona Cavallaro, sbranata dagli animali che erano a guardia di un gregge di capre. Secondo quanto apprende l’Agi, molti di questi cani sono sporchi di sangue e saranno alcuni rilievi scientifici a ricostruire quanto accaduto nell’aggressione di giovedì scorso. Gli esperti, coordinati dalla Compagnia carabinieri di Soverato guidata dal tenente Luca Palladino, hanno prelevato, infatti, alcuni campioni di peli con l’obiettivo di identificare con certezza quali di questi animali abbiano partecipato all’aggressione. Un lavoro meticoloso, che arriva dopo due giorni di intense ricerche per accalappiare gli animali e mettere in sicurezza la zona solitamente usata per le gite fuoriporta. Anche per questo motivo, l’area è attualmente interdetta, dal momento che occorre capire se possano esservi altri cani in circolazione che potrebbero, eventualmente, creare ulteriori problemi.

LEGGI ANCHE | Sbranata da un branco di cani nel Catanzarese, c’è un indagato. Disposta l’autopsia

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Provincia, sp25 Aranise: mercoledì la conferenza dei servizi

manfredi

Operazione “Faust”, Morra: “Simbolo di infiltrazione della ‘ndrangheta nel Pubblico”

Giovanni Bevacqua

Omicidio Rosso, condannato a 17 anni il presunto killer

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content