Preside “chiede a un bidello di pulire la sua auto”: gli studenti protestano

La dirigente sostiene che sarebbe stato l'operatore scolastico offrirsi di pulire il parabrezza della vettura, dopo che lei gli aveva chiesto una spugna
dad scuola

Studenti e docenti del liceo classico Arnaldo di Brescia hanno occupato protestato dopo che la preside avrebbe chiesto a un bidello di lavarle i vetri dell’auto. È accaduto venerdì mattina. In solidarietà al collaboratore scolastico, i ragazzi hanno prima occupato il cortile della scuola e tenuto un’assemblea di un’ora e mezza e poi hanno dato vita a un corteo per i corridoi mostrando sul petto post-it con la scritta “io sono Gerardo”, il nome dell’operatore da anni in servizio presso l’istituto.

La richiesta sarebbe stata fatta qualche giorno fa, ma la notizia si è diffusa tra le prime ore di lezione e l’intervallo solo venerdì, quando l’operatore scolastico non era al lavoro per permessi già concordati. “La richiesta della preside è stata una umiliazione per il nostro bidello – dice uno studente – Protestiamo e ci opponiamo tutti a questa richiesta assurda”. Come riporta Brescia Oggi, la preside, Tecla Fogliata, lavora al liceo Arnaldo da inizio anno.

La replica della preside 

La preside, interpellata sull’accaduto durante l’assemblea, sostiene che il fatto non è avvenuto come raccontato. Sarebbe stato Gerardo, secondo quanto sostenuto dalla dirigente scolastica, a offrirsi di pulire il parabrezza dell’auto, dopo che lei gli aveva chiesto una spugna. “Si tratta di un fraintendimento che è stato strumentalizzato. Io ho solo chiesto al collaboratore una spugna per pulire il vetro che era sporco di resina, lui, che è un galantuomo, si è offerto di farlo al posto mio. I rapporti con lui sono idilliaci”, ha sottolineato la preside al Corriere Brescia.

Stando all’edizione locale del Corriere, durante l’assemblea improvvisata, non si è parlato solo del “caso Gerardo”, ma in generale dei metodi “autoritari” e “sopra le righe” della preside, nonché dei suoi rapporti con i professori, che sarebbero tesi da quando è arrivata. Inoltre, pare, che durante il suo primo collegio docenti, la dirigente scolastica avrebbe “intimato a un docente di ‘chiederle il permesso per recarsi in bagno'”. Nei giorni successivi, la tensione avrebbe anche portato un vicepreside a dimettersi.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved