Calabria7

Presunta “persecuzione” ai danni di Mungo, il Gip fissa l’udienza preliminare per il 5 dicembre

operaio gimigliano

(D.C.) – Dopo la richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pubblico ministero nei confronti degli imputati Antonio e Salvatore Critelli, nonché di Vincenzo Nicoletta, accusati di aver agito in concorso formale e materiale tra loro, con reiterate condotte persecutorie poste in essere ai danni di Gianpaolo Mungo, già assessore comunale di Catanzaro con delega all’Ambiente e allo Sport, il Gip ha emesso decreto di fissazione di udienza preliminare per il prossimo 5 dicembre. Il procedimento penale a carico dei citati soggetti, tutti difesi dall’avvocato Antonio Lomonaco, trae origine da un’asserita condotta vessatoria che come premesso si sarebbe sostanziata in ripetute condotte vessatorie quali ingiurie e minacce rivolte a Mungo nei pressi della sua abitazione e sede lavorativa.

In merito a tale ricostruzione dei fatti, però, il legale degli imputati delle riferite illecite condotte ci ha rilasciato una breve dichiarazione in cui ha affermato: “Molti passaggi della presunta persona offesa non convincono ed è anche per tali ragioni che il Gip ha dapprima respinto la richiesta di custodia cautelare e successivamente anche quella domiciliare (avanzata dal rappresentante dell’Ufficio di Procura procedente, ndr). A carico dei miei assistiti residua pertanto un mero obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Confidiamo, però, che la verità venga accertata nel più breve tempo possibile”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sgominata banda criminale a Cosenza, 57 misure cautelari (SERVIZIO TV)

manfredi

Incidente a Catanzaro sulla tangenziale, un morto (VIDEO)

manfredi

Rottura condotta sotto manto stradale, fuga di gas nel Catanzarese

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content