Nascondevano marijuana in un’edicola votiva, tre arresti nel Vibonese (VIDEO)

Dentro un'edicola votiva dedicata alla Madonna veniva nascosta la marijuana poi prelevata in base alle richieste che arrivavano dai clienti tramite i social

Due fratelli e un loro cugino. Questi sarebbero i presunti responsabili di un business di spaccio che da Zungri, in provincia di Vibo, si era allargato ai centri limitrofi fino a raggiungere alcune località costiere che la presenza di turisti rendeva particolarmente remunerative.

Le indagini

Tutto è iniziato con il controllo occasionale di un giovane assuntore, trovato in possesso di una modica quantità di marijuana. I carabinieri della stazione di Zungri e del Norm della Compagnia di Tropea, coordinati dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, guidata dal procuratore Camillo Falvo, hanno iniziato una serrata attività di riscontro e documentazione riuscendo a ricostruire i contorni della vicenda. Sono una cinquantina gli episodi di spaccio documentati, commessi fra gennaio e giugno 2020, che gli inquirenti hanno contestato ai presunti autori.

Marijuana nell’edicola votiva

Ma la cosa più singolare sono le modalità con le quali i tre giovani hanno organizzato la loro illecita attività: lo stupefacente veniva infatti occultato in una cavità ricavata all’interno di un’edicola votiva dedicata alla Madonna, nel centro cittadino di Zungri. Questo era proprio l’insolito luogo dal quale la sostanza veniva poi prelevata in piccole dosi, per soddisfare le richieste degli assuntori, che commissionavano i loro acquisti attraverso piattaforme social. I pagamenti venivano poi saldati direttamente ai giovani, che avviavano le procedure di consegna, proprio nei pressi dell’altare votivo.

Furti di auto, cavalli e attrezzature agricole

Le attività di indagine hanno consentito di accertare anche il presunto coinvolgimento degli stessi soggetti nel furto di almeno tre autovetture, di alcuni cavalli, di attrezzature agricole nonché di un furto commesso all’interno di un’abitazione di Zungri. In accoglimento delle richieste della Procura della Repubblica il gip del Tribunale di Vibo Valentia ha quindi disposto gli arresti domiciliari per uno dei tre ed il carcere per gli altri due, già noti alle cronache per il brutale pestaggio di una giovane ragazza vicino un distributore di benzina della provincia lo scorso 26 settembre, le cui immagini rilanciate sui media e virali sul web, hanno sconvolto l’opinione pubblica per la loro violenza. La misura è stata eseguita questa mattina dai carabinieri.

I NOMI DI TUTTI GLI INDAGATI: C’E’ ANCHE UN PENTITO (Clicca qui)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Tutti i corsi di laurea partecipano alla fase di ammissione anticipata, mettendo a bando buona parte dei posti disponibili, comprese le due triennali di nuova attivazione
Il cantautore sarà protagonista di “Una vita intera tour 2024” che lo porterà nel mese di agosto a esibirsi in tutta Italia
Imponente operazione coordinata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Locri e condotta dai carabinieri, che ha portato all'arresto di un 77enne
L'intervento ha visto l'installazione di oltre 800 metri di percorso tattile-plantare e mappe tattili lungo tutto il perimetro della struttura
Badolato, sulla costa ionica catanzarese, non è nuova alla vetrina nazionale. In questo sito il 24 agosto 1997 approdò la prima nave della speranza, nei pressi di Bocca di Galluppi
Erano state soccorse in acque internazionali mentre si trovavano su tre imbarcazioni "inadatte alla navigazione"
Il messaggio è stato lanciato in occasione del mese dedicato alla cura dell'udito
I fatti risalgono al periodo compreso tra il 2019 e il 2023. Bloccata l'erogazione di ulteriori due milioni non dovuti
"Un’iniziativa meritoria - ha detto Romeo - che prescinde dal colore politico ponendosi invece l’obiettivo di sensibilizzare la città su un tema davvero importante"
"Ho scelto di non citare mai il nome del suo assassino" ha detto Gino Cecchettin, ospite a 'Che tempo che fa'
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved