Calabria7

Primi risultati dell’autopsia sulla turista trovata morta in una villa a Pietragrande

Ilaria Canta, 29 anni, è stata ritrovata penzoloni il 25 agosto in una villetta a Pietragrande di Stalettì, nell’hinterland catanzarese. La giovane sembrerebbe si sia impiccata alla porta della camera da letto, ma la magistratura sul caso intende fare chiarezza. Turista torinese ospite di amici che l’hanno ritrovata in casa priva di vita alle 5 del mattino, era vestita con pantaloni e maglia, indizio che lascia ipotizzare come quella notte non fosse mai andata a dormire. Qualche ora prima, nel pomeriggio, era stata in spiaggia con gli amici, sul pedalò, senza dare alcune segnale di disagio, mentre nei giorni precedenti, il 21 agosto aveva festeggiato il 29 compleanno. I carabinieri di Soverato pare non abbiano trovato il cappio con il quale la ragazza si è tolta la vita e indagano per risalire alla dinamica del decesso. Ieri l’autopsia eseguita dalla professoressa Isabella Aquila dell’Istituto di Medicina legale dell’Università Magna Graecia di Catanzaro ha rivelato che non vi sono segni di violenza sul corpo confermando come la morte possa essere compatibille con l’impiccamento.  Per le analisi tossicologiche sarà necessario attendere che i campioni vengano elaborati in laboratorio.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Droga, arrestato il pastore diventato coltivatore di marijuana

Mirko

Incendio nel quartiere Corvo di Catanzaro, intervengono i Vigili del Fuoco

Maria Teresa Improta

Natale di solidarietà a Catanzaro: un pizzico di gioia al Pugliese-Ciaccio

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content