Calabria7

Processo “Aemilia”: confermati in Appello 2 anni a Vincenzo Iaquinta

E’ stata confermata in appello la condanna di due anni per Vincenzo Iaquinta tra i 118 imputati del processo “Aemilia”. La sentenza è stata emessa nel tardo pomeriggio nell’aula bunker del carcere bolognese della Dozza. L’ex bomber della Nazionale e della Juventus, campione del mondo nel 2006, è imputato per reati relativi alle armi ed è stato ritenuto – come si riportava nelle motivazioni della sentenza di primo grado – estraneo all’associazione mafiosa. A Iaquinta i giudici della Corte di appello di Bologna hanno riconosciuto il beneficio della sospensione condizionale della pena. Ridotta la pena per il padre dell’ex calciatore, Giuseppe Iaquinta, accusato di associazione mafiosa che da 19 anni è stata rideterminata in 13 anni.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, Sila Piccola stupenda e isolata ai primi tepori di marzo

Danilo Colacino

OPI Catanzaro, ecco le medicazioni avanzate e rivoluzionarie per le ferite

nico de luca

Coronavirus, possibili contagi all’istituto Vivaldi. Otto classi vanno in Dad

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content