LA SENTENZA

I boss Giuseppe Accorinti e Pasquale Bonavota condannati a Roma per traffico di droga ma cade l’associazione

La sentenza di primo grado a quasi venti anni dall'operazione "Repley": nove condanne e tre assoluzioni. In Appello la scure della prescrizione
ndrangheta latitanti

A quasi venti anni di distanza arriva la sentenza di primo grado del processo scaturito dall’operazione “Replay” su un presunto traffico internazionale di sostanza stupefacenti sull’asse Calabria-Roma. I giudici dell’ottava sezione del Tribunale di Roma (presidente Paola Roja) hanno inflitto nove condanne a pene variabili tra gli otto mesi e i dieci anni di reclusione. E’ caduta però l’accusa più importante, quella di associazione.

Nove condanne e tre assoluzioni

Nove condanne e tre assoluzioni

In particolare è stato condannato a 6 anni e 6 mesi di reclusione con 30mila euro di multa Pasquale Bonavota, il presunto boss di Sant’Onofrio, catturato lo scorso mese di aprile a Genova dai carabinieri del Ros dopo oltre quattro anni di latitanza. Nei suoi confronti il pm Stefano Luciani aveva chiesto otto anni di carcere. La pena più pesante è stata inflitta a Giuseppe Antonio Accorinti, ritenuto il boss di Zungri. Nei suoi confronti i giudici hanno disposto la condanna a dieci anni di reclusione più 40mila euro di multa (la pubblica accusa aveva chiesto 22 anni di carcere). Condannati altri sette imputati. Si tratta di Pasqualino La Pasta, 4 anni e 6 mesi e 20mila euro di multa (concesse le attenuanti generiche); Luciano Casamonica, 7 anni e 6 mesi e 30mila euro di multa (esclusa l’aggravante); Francesco De Masi, 7 anni e 6 mesi e 30mila euro di multa (esclusa l’aggravante); Vincenzo Brunori, 8 mesi e 5mila euro di multa (ritenuta la continuazione); Ruben Alicandri, 4 anni e 6 mesi e 12.500 euro di multa (ritenuta la continuazione); Francesco Ricci, 4 anni e 20mila euro di multa (concesse le attenuanti ed esclusa l’aggravante); Luciano Marsella, 8 mesi e 2.500 euro (riconosciuta la continuazione). Assoluzione piena, invece, per altri tre imputati: Cosimo Ierace, Nicola Barbieri e Carmelo Gentile.

Operazione Replay

L’indagine ha riguardato un presunto gruppo dedito allo spaccio di ingenti quantitativi di stupefacente che avrebbe avuto tra i principali promotori Giuseppe Antonio Accorinti unitamente ad altri soggetti di rilevente interesse investigativo come Pasquale Bonavota. ll Tribunale di Vibo Valentia in precedenza aveva comminato condanne pesantissime con particolare riguardo ad Accorinti (21 anni), poi annullate senza rinvio dalla Cassazione. Nel prosieguo anche il processo a Roma si è caratterizzato per numerosi rinvii per giungere oggi alla sentenza che esclude l’esistenza dell’associazione, limitando la condanna per alcuni reati-fine che in appello potrebbero cadere sotto la scure della prescrizione. Accorinti, attualmente ristretto al 41 bis, è difeso dall’avvocato Francesco Sabatino mentre Pasquale Bonavota dagli avvocati Tiziana Barillaro e Massimiliano Riga.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
La denuncia del consigliere regionale e presidente del Gruppo Misto a palazzo Campanella: "E' l'ora di cambiare registro"
Nella giornata della Legalità la clamorosa storia di un coraggioso imprenditore antimafia che finisce sottoprocesso dopo aver denunciato i suoi aguzzini
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved