Calabria7

Procuratore Castrovillari indagato, trasferito a Potenza

Il procuratore capo di Castrovillari (Cosenza), Eugenio Facciolla, è stato oggetto di un provvedimento del Csm che ne ha disposto il trasferimento a Potenza e la destinazione alla giustizia civile. Si tratta di una misura, richiesta dal ministro Alfonso Bonafede e dalla procura generale della Cassazione, decisa dalla sezione disciplinare del Csm, presieduta da Davide Ermini, vicepresidente del Csm, relatrice Paola Braggion.

Facciolla è attualmente indagato a Salerno per una presunta violazione dei doveri di imparzialità, correttezza e riserbo. Abusando delle sue funzioni, avrebbe rivelato dati sensibili e anche favorito una società che si occupa di intercettazioni. Il suo legale, Antonio Zecca, ha precisato all’AGI che “al momento è tutto sospeso, perché ci saranno le impugnazioni consequenziali”.

Zecca,che difende Facciolla in sede penale ma non ha rappresentato il magistrato davanti all’organo di autogoverno della magistratura, dice che “è giunta l’ora che i cittadini possano esercitare un controllo non solo sull’esercizio della giurisdizione, visto che le sentenze sono emesse in nome del popolo italiano, ma anche sui procedimenti disciplinari che determinano singolari spostamenti di magistrati, proprio alla luce degli ultimi accadimenti che hanno innescato sicuro allarme sociale”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Cosenza sconfitto al 90′: la zona retrocessione è di nuovo realtà

Antonio Battaglia

Serie B: vola il Cosenza, Crotone sempre più giù

Matteo Brancati

Centro storico Cosenza, Oliverio: “Regione deve essere protagonista”

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content