Calabria7

Prodotti contraffatti venduti sui social, sequestrata stamperia a Cosenza

stamperia cosenza

I finanzieri del Comando provinciale di Cosenza hanno individuato e bloccato l’azione illecita di una stamperia di prodotti contraffatti nel comune di Cosenza. Diversi gli articoli sequestrati, oltre l’attrezzatura utilizzata per la materiale fabbricazione dei capi. I prodotti illegali, consistenti in capi ed accessori di abbigliamento, destinati ai bambini e riportanti per lo più i personaggi del momento, oltre che essere venduti sul canale “fisico”, erano pubblicizzati sul Marketplace di Facebook.

Le indagini

L’attività, svolta dalle fiamme gialle di Cosenza ed avviata grazie al costante monitoraggio del web, ha permesso l’identificazione dei seller dei prodotti falsi, titolari di una cartoleria di Cosenza. L’accesso eseguito presso il negozio ha permesso di accertare come i prodotti illeciti fossero realizzati all’interno della ditta stessa, attraverso la pressatura a caldo di loghi ed immagini, scaricate da internet, su t-shirt neutre, commercializzate in negozio ed online. A conclusione dell’attività, i militari hanno proceduto al sequestro di oltre un centinaio di capi di abbigliamento e del materiale utilizzato per la realizzazione dei falsi. I responsabili sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria di Cosenza per il reato di contraffazione; condotta che, nei casi più gravi, attraverso l’allestimento di mezzi e attività organizzate, viene sanzionata con la reclusione fino a sei anni.

Il fenomeno fa emergere un sistema utilizzato sempre più su larga scala, fondato sull’estrema polverizzazione e anonimato dei soggetti, i quali, grazie all’importante diffusione sul web, alimentano il circuito di prodotti illegali con ridotto impiego di attrezzature e capitali. La costante attenzione della Guardia di Finanza sulla filiera dei beni di largo consumo e le attività a contrasto della commercializzazione dei prodotti contraffatti e non sicuri, mirano a tutelare la salute dei consumatori ed a garantire il corretto funzionamento del libero mercato e del sistema produttivo nazionale.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Scontro tra auto e camion in provincia di Catanzaro, ferita una donna

Maria Teresa Improta

Assenteismo all’Asp e all’ospedale di Catanzaro, 57 indagati (NOMI & VIDEO)

manfredi

Gratteri nel mirino dei clan, Nesci: “Lo Stato è con lui”

Alessandro De Padova
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content