Calabria7

Protesta lavoratori dei cantieri della metropolitana di Catanzaro (SERVIZIO TV)

di Mediatica Comunicazione – Sit in di protesta dei lavoratori impegnati nei cantieri della metropolitana di Catanzaro  nel capoluogo di regione per denunciare la mancata sottoscrizione del protocollo di concertazione preventiva da parte della Rti Vianini-Metrofc Scarl, l’Ati aggiudicataria dell’opera. Nella mobilitazione, che rientra nello stato di agitazione proclamato nei giorni scorsi, i lavoratori sono assistiti dalle segreterie regionali e territoriali della Fillea Cgil e della Feneral Uil.
La protesta nasce perché  sono trascorsi ormai due anni ma, dopo una serie di sollecitazioni, con un’inspiegabile reticenza la Vianini continua a non voler firmare la concertazione preventiva, che è un atto propedeutico all’avvio del cantiere oltre che un atto previsto dal Contatto collettivo nazionale. Questo ritardo  sta anche rallentando l’esecuzione di un’opera come la Metropolitana strategica per la città di Catanzaro e per l’intera Calabria”.
Una delegazione di dirigenti sindacali e di lavoratori è stata ricevuta dai funzionari dell’Ufficio di gabinetto della Prefettura di Catanzaro: dall’incontro è emerso che entro una decina di giorni sarà convocato il tavolo di monitoraggio previsto dal Protocollo di legalità sottoscritto oltre un anno fa nell’ambito dell’appalto della Metropolitana di Catanzaro: “In questa sede – ha infine detto Celebre – auspichiamo che la Rti Vianini firmi la concertazione preventiva, altrimenti avvieremo azioni di lotta all’interno del cantiere”.
© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Bova: “Regionalismo differenziato, bene che se ne parli” (SERVIZIO TV)

manfredi

Acqua a Catanzaro nuovamente potabile, Fiorita: “Ne siamo felici”

Andrea Marino

Auto si ribalta sulla statale 106 nel Catanzarese, due giovani feriti

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content