Provincia di Vibo, via libera del Consiglio alla al Rendiconto 2023. Tutti i punti all’ordine del giorno approvati

consiglio provinciale vibo

“Rendiconto per l’esercizio 2023”; “Riconoscimento debiti fuori bilancio; “Prelevamento del fondo di riserva di competenza nel corso dell’esercizio provvisorio 2024”; “Regolamento per la disciplina delle procedure di compensazione dei tributi delle entrate”; “Regolamento per il funzionamento della commissione provinciale espropri”; “Regolamento del sistema di video sorveglianza”. Questi i punti all’ordine del giorno trattati e approvati dal Consiglio della Provincia di Vibo Valentia.

L’assise, presieduta da Corrado Antonio L’Andolina, ha analizzato e dibattuto maggiormente sul “Rendiconto per l’esercizio 2023”, documento economico-finanziario di primaria importanza amministrativa. A relazionare al riguardo la responsabile del settore economico-finanziario dell’ente, Caterina Gambino. Un intervento di natura tecnica al quale ha fatto seguito quello di carattere istituzionale del presidente L’Andolina e, successivamente, un’analisi di natura giuridico-burocratica da parte del segretario generale, Domenico Arena. A votare a favore dell’approvazione del Rendiconto 2023, sottolineando con sfumature comunicative diverse “il senso di responsabilità istituzionale che li motivava in tal senso” sono stati i consiglieri: Carmine Franzè, Serena Lo Schiavo e Vincenzo Pagnotta (eletti nella lista Centro Destra per Vibo); Carmine Mangiardi e Vincenzo Lentini (eletti nella lista Azione con Calenda e Progressisti per la Provincia di Vibo Valentia); Nicola Lasorba e Antonino Schinella (eletti nella lista Democratici e Progressisti per la Provincia di Vibo Valentia). Quest’ultimo ha avanzato una proposta di carattere tributario per incrementare le entrate dell’ente, ovvero «la riscossione della tassa sugli extraprofitti delle società energetiche». Ad astenersi dalla votazione del rendiconto sono stati, invece, i consiglieri Cosimo Nicola Papa, Giampiero Calafati e Alessandro Lacquaniti, (eletti nella listaVibo al Centro Unica e legata nella concretezza) che, attraverso il capogruppo Lacquaniti, hanno messo in luce come «L’astensione al voto non incida nell’approvazione del rendiconto ma è atta a sollecitare l’avvio della macchina amministrativa dell’ente. Un ausilio significativo in tal senso potrebbe essere dato dalla costituzione delle Commissioni consiliari (Viabilità ed Edilizia Scolastica) e dalla nomina del vice presidente. Il nostro intento è quello di svolgere attivamente e con dignità il ruolo istituzionale che ci compete, se così non sarà – hanno chiosato – siamo pronti a dimetterci». Il presidente L’Andolina nel corso del suo intervento ha asserito che «Occorre un alto senso di responsabilità istituzionale per non vanificare la capacità di resilienza che la Provincia di Vibo ha avuto in questi anni di grandi difficoltà economico-finanziarie. È dunque necessario anteporre l’interesse pubblico ad ogni pur legittima ispirazione di visibilità. Bisogna chiedersi cosa sia giusto fare per l’ente e, quindi, per il territorio e i cittadini». Il Consiglio ha infine votato all’unanimità tutti gli altri punti all’ordine del giorno. 

L’assise, presieduta da Corrado Antonio L’Andolina, ha analizzato e dibattuto maggiormente sul “Rendiconto per l’esercizio 2023”, documento economico-finanziario di primaria importanza amministrativa. A relazionare al riguardo la responsabile del settore economico-finanziario dell’ente, Caterina Gambino. Un intervento di natura tecnica al quale ha fatto seguito quello di carattere istituzionale del presidente L’Andolina e, successivamente, un’analisi di natura giuridico-burocratica da parte del segretario generale, Domenico Arena. A votare a favore dell’approvazione del Rendiconto 2023, sottolineando con sfumature comunicative diverse “il senso di responsabilità istituzionale che li motivava in tal senso” sono stati i consiglieri: Carmine Franzè, Serena Lo Schiavo e Vincenzo Pagnotta (eletti nella lista Centro Destra per Vibo); Carmine Mangiardi e Vincenzo Lentini (eletti nella lista Azione con Calenda e Progressisti per la Provincia di Vibo Valentia); Nicola Lasorba e Antonino Schinella (eletti nella lista Democratici e Progressisti per la Provincia di Vibo Valentia). Quest’ultimo ha avanzato una proposta di carattere tributario per incrementare le entrate dell’ente, ovvero «la riscossione della tassa sugli extraprofitti delle società energetiche». Ad astenersi dalla votazione del rendiconto sono stati, invece, i consiglieri Cosimo Nicola Papa, Giampiero Calafati e Alessandro Lacquaniti, (eletti nella listaVibo al Centro Unica e legata nella concretezza) che, attraverso il capogruppo Lacquaniti, hanno messo in luce come «L’astensione al voto non incida nell’approvazione del rendiconto ma è atta a sollecitare l’avvio della macchina amministrativa dell’ente. Un ausilio significativo in tal senso potrebbe essere dato dalla costituzione delle Commissioni consiliari (Viabilità ed Edilizia Scolastica) e dalla nomina del vice presidente. Il nostro intento è quello di svolgere attivamente e con dignità il ruolo istituzionale che ci compete, se così non sarà – hanno chiosato – siamo pronti a dimetterci». Il presidente L’Andolina nel corso del suo intervento ha asserito che «Occorre un alto senso di responsabilità istituzionale per non vanificare la capacità di resilienza che la Provincia di Vibo ha avuto in questi anni di grandi difficoltà economico-finanziarie. È dunque necessario anteporre l’interesse pubblico ad ogni pur legittima ispirazione di visibilità. Bisogna chiedersi cosa sia giusto fare per l’ente e, quindi, per il territorio e i cittadini». Il Consiglio ha infine votato all’unanimità tutti gli altri punti all’ordine del giorno. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved