Pugni e bottigliate ai calciatori: emessi tre Daspo a Gioia Tauro, uno a un dirigente

Due dei tre provvedimenti sono a carico di un dirigente della “Asd Gioiese 1918” e di suo padre. Nel terzo caso, un arbitro è stato preso a schiaffi

Il Questore di Reggio Calabria ha emanato tre provvedimenti di divieto di accesso ai luoghi delle manifestazioni sportive (Daspo), riguardanti tre individui responsabili di gravi episodi di violenza verificatisi durante due partite di calcio disputate a Gioia Tauro.

Il personale delle forze dell’ordine, impiegato nei servizi di ordine pubblico, e in particolare all’attività dell’ufficio UIGOS del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, ha condotto un’approfondita indagine per identificare gli autori di tali comportamenti violenti. Queste azioni investigative, unite all’istruttoria amministrativa della Divisione Polizia Anticrimine, hanno portato al decreto del Questore di Reggio Calabria relativo ai tre Daspo.

Il personale delle forze dell’ordine, impiegato nei servizi di ordine pubblico, e in particolare all’attività dell’ufficio UIGOS del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, ha condotto un’approfondita indagine per identificare gli autori di tali comportamenti violenti. Queste azioni investigative, unite all’istruttoria amministrativa della Divisione Polizia Anticrimine, hanno portato al decreto del Questore di Reggio Calabria relativo ai tre Daspo.

Pugni e bottigliate

In dettaglio, due provvedimenti Daspo, della durata di 5 e 10 anni, sono stati emessi rispettivamente nei confronti di un dirigente della “Asd Gioiese 1918” e di suo padre. Nel corso di una partita tra la Gioiese e il “Licata Calcio”, il dirigente ha colpito con un pugno un calciatore avversario dopo un gol subito dalla squadra di Gioia Tauro. Il padre, già destinatario di un Daspo in passato, è entrato nel campo di gioco colpendo con una bottiglia di plastica il capitano della squadra ospite.

Schiafi all’arbitro

Il terzo Daspo, della durata di 3 anni, è stato emesso nei confronti di un individuo di Gioia Tauro che, durante una partita del campionato amatoriale, ha colpito l’arbitro con due schiaffi dopo l’espulsione di un giocatore della squadra di casa. L’emissione di questi provvedimenti sottolinea l’impegno significativo e l’efficacia dell’azione della Polizia di Stato nel contrastare la violenza durante le manifestazioni sportive.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il racconto di un uomo di 56 anni sopravvissuto perché ha ricevuto microbiota fecale e fegato
La decisione del preside dell'Istituto Munari di Crema fa discutere ed è diventata un caso politico
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved