Quali sono i migliori vini calabresi: la Top 10

Chi visita la Calabria non può non restare affascinato dal paesaggio incantevole e variegato. La parte centrale della regione, principalmente montuosa, presenta un clima continentale con notevoli escursioni termiche, un fattore che va a vantaggio anche della produzione di vini. Il litorale tirrenico fornisce clima mite e suoli vulcanici, ideali per produrre vini strutturati e con grande capacità di invecchiamento. Sul versante ionico, anch’esso con un clima mediterraneo, i terreni ricchi di argilla riescono ad esaltare la componente minerale dei vini.

Un grande patrimonio di vini

Un grande patrimonio di vini

La Calabria, terra baciata dal sole e lambita dal mare, vanta una ricca tradizione vitivinicola che affonda le radici in un terroir unico e suggestivo. Grazie al clima mediterraneo e ai terreni fertili, questa regione del sud Italia è da sempre vocata alla produzione di vini di qualità, apprezzati sia sul territorio nazionale che oltre i confini e di cui è facile trovare recensioni online, magari in siti dedicati al mondo del vino come winemeridian.com o negli eCommerce del settore.

La diversità del paesaggio calabrese, caratterizzato da colline, pianure e montagne, offre un ricco patrimonio di vitigni autoctoni e una grande varietà di terroir, contribuendo alla creazione di vini distintivi e dalla personalità unica. Tra i vigneti che punteggiano il territorio calabrese emergono alcune cantine che si distinguono per l’impegno nella valorizzazione delle varietà locali e la produzione di vini di eccellenza, contribuendo così a consolidare la reputazione enologica della regione.

La produzione di vini in Calabria è molto ampia ed è caratterizzata da differenti prodotti. Non si tratta soltanto dei vini tradizionali che sono stati citati, ma anche di vini dal carattere dolce, che vengono messi a punto grazie alle condizioni climatiche delle zone costiere che garantiscono una temperatura alta e la brezza proveniente dal mare, elementi essenziali per asciugare i grappoli e per ottenere uve che presentano un elevato contenuto zuccherino. Ma scopriamo quali possono essere considerati alcuni dei migliori vini prodotti in Calabria.

Il Rosato Grayasusi

L’elenco dei più interessanti vini della Calabria si apre con il Rosato Grayasusi, nello specifico quello contrassegnato dall’Etichetta Argento. Il profumo di questo vino è penetrante, con note evidenti di frutta rossa, di vaniglia e di macchia mediterranea. Al palato è ricco, rimanendo comunque ben bilanciato. È un’ottima interpretazione di vino prodotto con uve Gaglioppo.

Il Batassarro Lamezia

Al naso il Batassarro Lamezia si apre con delle ampie note di ribes rosso, arricchite con sfumature di caffè e liquirizia. In bocca presenta una trama densa, ma molto avvolgente. La mineralità è piacevole e riesce ad infondere volume. Il finale è di ottima eleganza. Questo vino presenta un grande potenziale di invecchiamento.

Don Rosario DOC

L’aroma è avvolgente, con sfumature di liquirizia. Al palato il Don Rosario DOC si presenta vellutato e corposo, con una persistenza straordinaria che richiama i toni fruttati. Il vino biologico è prodotto dall’enologa Graziana Grassini ed è tra i vini migliori della regione per quanto riguarda la valorizzazione del Magliocco.

Celeste Calabria

Il Celeste Calabria è un rosato in cui dominano i frutti rossi, come la ciliegia e il lampone. Al gusto risulta fresco e il finale è minerale e fruttato. È un vino vivace, con il frutto che emerge come protagonista.

Calabria Esmen Tetra

Il vino Calabria Esmen Tetra è una vera e propria festa di frutti di bosco, capaci di trasformarsi in note di spezie dolci. I tannini donano setosità, oltre ad avere una persistenza duratura, presentando anche richiami fruttati.

Cirò Rosso Superiore DOC

Nel Cirò Rosso Superiore si verifica un’evoluzione delle more, delle prugne e delle violette in un finale pieno di erbe aromatiche e sottobosco. Il palato viene completamente avvolto dai tannini, che lasciano poi aperta la strada ad un finale fruttato.

Cirò Rosso Superiore Riserva

In questa lista di vini calabresi si può citare anche il Cirò Rosso Classico Superiore Riserva, con aroma fragrante e note di ribes rosso, violette e ciliegie, arricchito da sfumature di eucalipto e liquirizia e con note di zenzero e scorza d’arancia candita.

Orange Jancu IGT Bianco

Il profumo dell’Orange Jancu IGT Bianco si apre con sfumature di frutta candita e bergamotto, arricchite da odori di erbe, spezie dolci e salsedine.

Cirò Duca Sanfelice Riserva

Il Cirò Duca Sanfelice Riserva è un vino rosso caratterizzato da note di fragole di bosco, di confettura di prugna e di visciole, che arrivano a poco a poco ad un sottofondo che ricorda il pepe nero, la liquirizia e il cioccolato bianco. È corposo e il finale rende il frutto protagonista assoluto.

Miscello di Ripe

Il Miscello di Ripe si contraddistingue per un insieme di odori, con pompelmo e frutta esotica al centro. Risulta vivace al sorso ed è accompagnato da una nota salina molto particolare. Il finale è particolarmente fresco.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved