Quanto guadagnano i politici calabresi…ma i redditi dei veri “paperoni” restano nel cassetto

parlamento

di Bruno Mirante – Quanto guadagnano deputati e senatori eletti in Calabria? La palma del parlamentare che ha dichiarato di più nella dichiarazione dei redditi 2020 (relativa all’anno di imposta 2019) spetta al deputato crotonese di Forza Italia Sergio Torromino (subentrato alla compianta Jole Santelli dopo la sua elezione a presidente della Regione Calabria) che ha dichiarato un reddito complessivo di 169.023 euro, seguito dalla grillina Elisabetta Barbuto con un reddito complessivo di 125.786 euro, e da Nico Stumpo di Leu che ha dichiarato 124.160 euro. Mentre il senatore calabrese più ricco è Rosa Silvana Abate, sempre dei 5 stelle, con 114.579 euro.

La legge 441 del 1982 sancisce che entro tre mesi dalla proclamazione i membri del Parlamento sono tenuti a presentare presso gli uffici di presidenza della Camera di appartenenza la documentazione patrimoniale comprensiva della dichiarazione dei redditi. Il tutto va poi pubblicato sulla pagina di ogni singolo parlamentare entro un mese dalla scadenza del termine utile per la sua presentazione.

La legge 441 del 1982 sancisce che entro tre mesi dalla proclamazione i membri del Parlamento sono tenuti a presentare presso gli uffici di presidenza della Camera di appartenenza la documentazione patrimoniale comprensiva della dichiarazione dei redditi. Il tutto va poi pubblicato sulla pagina di ogni singolo parlamentare entro un mese dalla scadenza del termine utile per la sua presentazione.
Insomma, in nome della trasparenza entro quattro mesi dalla convalida delle elezioni tutti i deputati e tutti i senatori devono avere pubblicato la propria rispettiva documentazione patrimoniale. Che, ovviamente va “aggiornata” annualmente. Non tutti gli eletti calabresi, tuttavia, hanno ancora ottemperato alla pubblicazione della documentazione.

È il caso del deputato Carmelo Massimo Misti (M5s) e del senatore Giuseppe Mangialavori (Forza Italia), ma non solo. Questi ultimi, infatti, lo scorso anno avevano conquistato la vetta della classifica dichiarando rispettivamente 301.146 euro e 292.005 euro. Ma a non aver ancora pubblicato la dichiarazione dei redditi sono stati anche Roberto Occhiuto, Fulvia Caligiuri, Marco Siclari e Francesco Cannizzaro di Forza Italia, Ernesto Magorno e Silvia Vono di Italia Viva, Francesco Forciniti, Riccardo Tucci e Nicola Morra del M5s, Enza Bruno Bossio e Antonio Viscomi del Pd.

La deputata di Fratelli d’Italia Wanda Ferro ha dichiarato 101.925 euro mentre il lametino Pino D’Ippolito (M5s) 99.207, seguono i pentastellati Margherita Corrado (99.796) Francesco Sapia (99.057), Dalila Nesci (98.746) mentre Domenico Furgiuele della Lega, Maria Tripodi di Forza Italia ed Elisa Scutellà e Paolo Parentela del Movimento 5 stelle hanno dichiarato un reddito complessivo di 98.471 euro. La classifica prosegue con Giuseppe Auddino (M5s) con 98.322, Bianca Laura Granato (M5s) con 97.258, Alessandro Melicchio (M5s) con 97.016 euro, Federica Dieni (M5s) 96.958 euro. Chiude la classifica il deputato del Partito democratico Marco Minniti che ha dichiarato 91.032 euro.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved