Raccolta illecita di informazioni, in sei ai domiciliari a Cosenza. Ci sono anche due finanzieri

Il gip, su richiesta della Procura di Catanzaro, ha disposto il sequestro preventivo delle somme di denaro a carico degli indagati

I militari della Guardia di Finanza del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Cosenza hanno dato esecuzione all’ordinanza con la quale il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica, ha applicato la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di sei indagati, tra cui due finanzieri in servizio nello stesso Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Cosenza, sulla base della ritenuta sussistenza della gravità indiziaria in ordine ai reati, rispettivamente, di associazione a delinquere, accesso abusivo a sistema informatico e corruzione. Contestualmente il gip, su richiesta della Procura di Catanzaro, ha disposto il sequestro preventivo
delle somme di denaro ritenute corrispondenti al prezzo del reato.

La misura cautelare fa seguito a quella già applicata in data 12 luglio 2023, nei confronti di quattro
soggetti, tre dei quali interessati anche dalla misura odierna, per la ritenuta sussistenza della gravità
indiziaria in ordine ai reati di accesso abusivo a sistema informatico e corruzione. Gli ulteriori approfondimenti, delegati dalla Procura di Catanzaro ai militari della Guardia di Finanza del
Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Cosenza, hanno delineato la gravità indiziaria, che
necessita della successiva verifica processuale in contraddittorio con la difesa, anche con riferimento
alle ulteriori ipotesi di reato di associazione a delinquere, corruzione e accesso abusivo al sistema
informatico.

Le ipotesi accusatorie

Secondo le ipotesi di reato formulate – e dal gip ritenute, allo stato, assistite da gravità indiziaria – i
responsabili di una società informatica, si sarebbero avvalsi, con la mediazione di altri soggetti, dei
militari della Guardia di Finanza coinvolti nella vicenda, per estrapolare una mole formidabile di dati
relative a persone fisiche e giuridiche, cui procedevano, i militari, mediante accessi abusivi a
sistema informatico, a fronte del corrispettivo di rilevanti somme di danaro; i dati illecitamente estratti
sarebbero stati, successivamente, commercializzati dalla società informatica, con un considerevole
incremento del proprio fatturato.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Unico evento pubblico di Carnevale a Catanzaro, era inizialmente previsto per l'11 febbraio ma è stato rinviato a causa del cattivo tempo
La delegazione dei manifestanti ha portato al Vaticano la mucca Ercolina e un trattore da dare in dono al Pontefice
I vigili del fuoco sono al lavoro ininterrottamente. Annunziato lo sciopero nazionale di due ore indetto da Cgil e Uil per le morti sul lavoro
I malviventi hanno messo fuori uso le telecamere per rubare il patrimonio pubblico, provocando un danno di 80 mila euro
L'azzurro ha battuto in finale Alex De Minaur. Sarà il primo italiano a spingersi così in alto da quando esiste il ranking computerizzato nel tennis maschile
La presenza dell'arcivescovo al convegno "No all’autonomia differenziata, Si all’Italia unita dei Comuni” non è piaciuto al partito di Salvini
Il volontario 41enne regala sorrisi ai piccoli pazienti oncologici. Ha ricevuto la benedizione del Pontefice per lettera, ma lo vuole vedere di persona
“E se neanche gli arredi sono dignitosi, immaginiamo cosa accade nei settori più importanti!”, sostiene il consigliere regionale
Geograficamente la quantità di sanzioni si concentra di più a Nord, dove si paga l'84,3% dei verbali; solo il 15,7% è fra Sud e Isole
Il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria ha accolto la tesi della difesa. La casa di cura era stata accusata per smaltimento illecito di rifiuti sanitari pericolosi
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved