Radon: sicure le centrali elettriche calabresi di A2A

Si è conclusa nei giorni scorsi, con l’invio del report finale, l’esperienza consulenziale che il Laboratorio Fisico del Dipartimento provinciale di Catanzaro dell’Arpacal ha svolto per il colosso internazionale dell’energia A2A, maggiore multiutility italiana nata nel 2008 dalla fusione delle municipalizzate lombarde ASM, AMSA e AEM.

Esattamente un anno fa, infatti, A2A chiese al Laboratorio Arpacal di procedere alla misurazione della presenza di gas radon nelle proprie centrali elettriche situate in Calabria, al punto da diventare un caso di studio nell’ultimo congresso della Società Italiana di Medicina del Lavoro (SIML).

Esattamente un anno fa, infatti, A2A chiese al Laboratorio Arpacal di procedere alla misurazione della presenza di gas radon nelle proprie centrali elettriche situate in Calabria, al punto da diventare un caso di studio nell’ultimo congresso della Società Italiana di Medicina del Lavoro (SIML).

Il sistema idroelettrico della Calabria posseduto da A2A raggruppa ben nove centrali idroelettriche, cioè che utilizzano l’acqua, la fonte rinnovabile per eccellenza, per produrre energia elettrica. Il sistema è localizzato lungo i fiumi Neto, Passante, Simeri, Vasì, Crocchio, Ancinale e Savuto, che attraversano le province di Catanzaro, Crotone, Cosenza e Reggio Calabria.

Nello specifico, gli impianti misurati sono stati: Timpagrande (Cotronei  – KR), Albi (CZ), Magisano (CZ), Orichella (San Giovanni in Fiore – CS) , Calusia Nuova (Caccuri – KR) (in foto), Satriano (CZ).

Pur avendo adempiuto a quanto previsto dalla normativa di settore, avendo all’interno della propria organizzazione un servizio audit per tali adempimenti, la A2A, infatti, ha voluto confrontare i propri dati acquisiti con i valori che i tecnici del Laboratorio fisico “Ettore Majorana” del Dipartimento di Catanzaro dell’Arpacal hanno monitorato nelle proprie centrali calabresi.

Rapporto inviato, dunque, con la conclusione che i locali delle centrali calabresi di A2A sono ampiamente sicuri per i lavoratori che vi accedono e vi stazionano, sia nel rispetto della normativa e sia di quella di prossima entrata in vigore nel giugno 2019.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
batticuore
Medicine e attrezzi medico-sanitari dell'ospedale utilizzati per fini personali e per interventi in studi privati
Una risorsa fondamentale per i ricercatori, che favorisce l'identificazione di nuove molecole suscettibili di interventi terapeutici più efficaci
La presunta ''spedizione punitiva' sarebbe scattata dopo che il giovane aveva inscenato una protesta, dando fuoco in cella ad alcuni fogli di giornale
Premiato come unico italiano dall’American College of Surgeons di Boston, è ordinario di chirurgia all’Università degli Studi di Milano
"Noi - ha detto don Nicola - siamo e dobbiamo essere una chiesa che ascolta e asciuga ogni lacrima, una chiesa con la quale condividiamo gioie e dolori"
Previste anche mareggiate con onde alte fino a 3-4 metri lungo le aree interessate dal maltempo
Storia di Lina, ferita durante un bombardamento nella Seconda guerra mondiale: "Quel giorno passò Pippo e ci centrò in pieno"
"La coalizione che ha portato Todde al successo - ha detto il capogruppo del Pd al Comune di Catanzaro - è un esperimento da portare ancora avanti a livello territoriale prima e nazionale poi"
Dopo la manifestazione per il decennale, dove sono stati premiati tantissimi donatori, domenica è toccato a quanti non furono presenti
Nato a Catanzaro nel 1952 da padre penalista, Catricalà fu il primo dirigente bipartisan dello Stato nel bipolarismo della seconda Repubblica
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved