Calabria7

Randagismo e custodia delle greggi, controlli e sanzioni nel Catanzarese

randagismo catanzaro

Dopo il triste epilogo costato la vita a una giovane ragazza in provincia di Catanzaro, in una campagna di Satriano, sono stati intensificati i controlli sui cani utilizzati per la custodia delle greggi in tutta la provincia, nell’ambito di una mirata campagna programmata dal Comando Regione Carabinieri Forestale “Calabria” in tutta la regione. I militari della stazione Carabinieri Forestale di Taverna, hanno eseguito, nel comprensorio silano, numerose verifiche nelle aziende zootecniche che utilizzano cani per la sorveglianza del proprio gregge.

Dai controlli effettuati in varie località nei comuni di Taverna e Sorbo San Basile, è emerso come ben otto aziende zootecniche utilizzassero complessivamente 24 cani di razza maremmana e meticcia per la protezione e custodia delle greggi, senza avere il previsto microchip di riconoscimento e, conseguentemente, senza essere iscritti all’anagrafe canina. A ciascuno dei titolari degli allevamenti sono state contestate le relative violazioni amministrative per un totale superiore ai 1000 euro, impartendo anche le specifiche prescrizioni di procedere all’immediata registrazione degli animali, previa applicazione del microchip, che consente l’identificazione a distanze degli animali e il loro inserimento nelle banche dati dell’anagrafe delle Asp.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Donna incinta muore in ospedale a Cosenza, esposto dell’associazione Codici

Antonio Battaglia

Vibo: fototrappole per incastrare gli incivili, 8mila euro di multe

manfredi

ESCLUSIVA – Calciomercato Catanzaro, la società blinda Statella: gli aggiornamenti

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content