Calabria7

Rausa si dimette. Il figlio brindò nel Parco acquatico

mario rausa

Mario Rausa non è più assessore allo sport del Comune di Rende. Tre righe di comunicato per dire che il componente della giunta comunale del sindaco Marcello Manna ha rimesso il mandato nelle sue mani.

Rausa ha comunicato la notizia anche ai consiglieri comunali della sua maggioranza e, dice la nota del Comune di Rende, domani renderà dichiarazioni stampa sulla vicenda.

Che cosa dirà Rausa?

Che per il Comune di Rende, per la maggioranza di Manna, sia un periodo tormentato è dire poco.

Le vicende del Parco acquatico (le minacce del direttore tecnico della struttura Antonio Vivacqua alla giornalista Rai Erika Crispo, la lettera di scuse, le successive dimissioni dal suo ruolo), hanno caratterizzato questi ultimi giorni.

erika crispo parco rende rausa
Il Parco acquatico di Rende

Come se non bastassero già i problemi legati alla struttura, il Parco acquatico è finito nel mirino mediatico per il brindisi, in pieno lockdown, del figlio dell’assessore Rausa con una struttura chiusa a causa del Coronavirus e con i dipendenti inferociti perché senza stipendio da mesi.

È immaginabile che l’ormai ex assessore Mario Rausa citi la vicenda nelle sue dichiarazioni alla stampa previste per domani.

Il brindisi nel Parco acquatico

I filmati del figlio dell’assessore Rausa che brinda per il suo compleanno all’interno del Parco acquatico chiuso insieme alla fidanzata hanno imbarazzato non poco il ruolo istituzionale del padre.

Un video che dai social è arrivato alla stampa regionale e nazionale con i riflettori accesi sulla vicenda da parte del Corriere della Sera e de Il Fatto quotidiano.

Il caso ha messo in luce ancora di più la situazione esplosiva del Parco acquatico che ha travolto prima la società di gestione e ora Mario Rausa.

fr. cang.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Regionali: Pd, circoli convocano assemblea a Catanzaro

Matteo Brancati

Catanzaro, passerelle in spiaggia. Longo-Consolante replicano a Riccio

Mirko

Consiglio regionale/ Sull’attuazione dei fondi Ue divergenze tra gli schieramenti

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content