Reddito di cittadinanza in discussione, intervento in vista: cosa potrebbe cambiare

Tra Palazzo Chigi e ministero dell'Economia si lavora alla Nadef, la Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza attesa in Consiglio dei ministri
Reddito di cittadinanza cambia

Il reddito di cittadinanza potrebbe essere ritoccato già nella prima manovra del nuovo governo. Tra Palazzo Chigi e ministero dell’Economia si lavora alla Nadef, la Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza attesa in Consiglio dei ministri giovedì. Conterrà solo il quadro tendenziale, la programmazione verrà lasciata al governo che arriverà, capitanato da Giorgia Meloni.

Ma nella Nadef, dove sono contenute le previsioni, la crescita – spiegano fonti del Mef – sarà inchiodata sotto la soglia psicologica dell’1%, il che vuol dire oltre 20 miliardi di spesa in meno, una grana non da poco per l’esecutivo che vedrà la luce nelle prossime settimane. E che, su questo Giorgia Meloni è stata chiara, non intende produrre più debito, ma tenere salda la linea Draghi sul no allo scostamento di bilancio. E questo nonostante vadano prorogate le misure di sostegno varate finora per fronteggiare la crisi energetica, dal taglio del cuneo agli interventi per alleggerire le bollette, tutte misure in scadenza a fine anno.

Ma nella Nadef, dove sono contenute le previsioni, la crescita – spiegano fonti del Mef – sarà inchiodata sotto la soglia psicologica dell’1%, il che vuol dire oltre 20 miliardi di spesa in meno, una grana non da poco per l’esecutivo che vedrà la luce nelle prossime settimane. E che, su questo Giorgia Meloni è stata chiara, non intende produrre più debito, ma tenere salda la linea Draghi sul no allo scostamento di bilancio. E questo nonostante vadano prorogate le misure di sostegno varate finora per fronteggiare la crisi energetica, dal taglio del cuneo agli interventi per alleggerire le bollette, tutte misure in scadenza a fine anno.

La decadenza del sussidio

A farne le spese, rivelano fonti beninformate dal Mef, potrebbe essere sin da subito il reddito di cittadinanza, che potrebbe essere ritoccato già nella prima manovra varata dal governo a guida Fdi. Non toccando la platea dei beneficiari, ma intervenendo sul numero delle offerte di lavoro che è possibile rifiutare pena la decadenza del sussidio. Inizialmente, quando il rdc venne varato dal primo governo Conte, la legge prevedeva che il reddito di cittadinanza decadesse al rifiuto di ben tre proposte di lavoro.

Draghi ha portato – scrive l’Adnkronos – a due le proposte rifiutabili, dopo un duro braccio di ferro sul ‘decalage’ (la decurtazione del sussidio), con tanto di telefonata chiarificatrice tra il premier e Giuseppe Conte. L’idea che si fa spazio nel centrodestra, per recuperare risorse, è quella di portare ancor più giù l’asticella, togliendo il reddito di cittadinanza già al primo rifiuto di un’offerta di lavoro.

La prima ipotesi

L’idea che si fa spazio nel Centrodestra, per recuperare risorse, sarebbe quella di portare ancor più giù l’asticella, togliendo il reddito già al primo rifiuto di un’offerta di lavoro. Il 20% dei percettori di Rdc lavora con impieghi precari e poco retribuiti. Due terzi sono disabili, minori, persone che non hanno mai lavorato. Non è una sorpresa che si vada verso un ripensamento del sistema di proposte di lavoro da accettare entro un determinato lasso di tempo, con requisiti più stringenti rispetto a ora.

La revisione del reddito di cittadinanza – come riporta Today – è uno di quei temi su cui Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi a grandi linee sono d’accordo. “Chi recepisce indebitamente il reddito di cittadinanza non lo riceverà più. I soldi che noi cittadini diamo per solidarietà nei confronti dei nostri concittadini in difficoltà devono essere dati a chi è veramente in difficoltà”. Così, conversando con i cronisti fuori Montecitorio, il vicepresidente di Fi e coordinatore del partito, Antonio Tajani.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Sull'operazione "Freedom": "Abbiamo sequestrato centinaia di telefonini. Con la nuova riforma sarebbe stato impossibile"
E anche: "La ‘ndrangheta rimane saldamente al centro del narcotraffico internazionale, con radicate presenze in Paesi europei ed extraeuropei"
batticuore
Per il gip che ha disposto le interdittive e il sequestro preventivo degli studi privati: "Risorse pubbliche dirottate per scopi personali"
È la prima specializzazione del genere in Italia. L’obiettivo è formare un professionista capace di coniugare competenze tecniche e umanistiche
Presenti anche la vicesindaco Giusy Iemma e i consiglieri comunali Antonio Barberio, Vincenzo Capellupo, Alberto Carpino e Danilo Sergi
Attualmente la Calabria è la terza regione d’Italia per numero di alveari censiti, circa 133.000 in totale, e la quarta per produzione di miele
Non è sempre vero che al sud sia più soleggiato che al nord, secondo la classifica di Holidu. Sono state valutate le città italiane più popolose
Sul giornalista australiano pende un mandato di cattura degli Stati Uniti per cospirazione. La città nel Reggino segue l'esempio di Roma, Napoli e Bologna
Per fortuna non ci sono stati gravi danni. Milia (FI): “Avevo già segnalato il problema, Falcomatà viva la città, anche quando non fa i video sui social”
L'azione coinvolge carabinieri, polizia e vigili del fuoco ed è finalizzata al controllo di abitazioni abusive, abbandono di rifiuti e altro
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved