Reddito di cittadinanza, scoperta una truffa milionaria: cinque misure cautelari

Sradicato un sistema che avrebbe permesso a cittadini stranieri di percepire indebitamente il reddito di cittadinanza
reddito di cittadinanza

Avevano messo in piedi un sistema per far percepire indebitamente il reddito di cittadinanza a cittadini stranieri che dichiaravano di risiedere a Torino, ma che invece continuano a vivere all’estero. Una truffa da oltre 1.400.000 euro quella scoperta dalla Guardia di finanza del capoluogo piemontese che ha portato a cinque misure cautelari, una agli arresti domiciliari, a carico di un dipendente di un patronato, e quattro obblighi di firma nei confronti di cittadini romeni.

Le indagini coordinate dalla Procura di Torino hanno consentito di individuare la dipendente dell’Istituto di Patronato ente nazionale assistenza sociale ai cittadini/Caf Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori, che avrebbe inoltrato numerose richieste al portale Inps, finalizzate a consentire l’indebita erogazione del reddito.

Le indagini coordinate dalla Procura di Torino hanno consentito di individuare la dipendente dell’Istituto di Patronato ente nazionale assistenza sociale ai cittadini/Caf Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori, che avrebbe inoltrato numerose richieste al portale Inps, finalizzate a consentire l’indebita erogazione del reddito.

Domande in cui, secondo gli inquirenti, almeno 314 persone, prevalentemente cittadini romeni, avevano dichiarato falsamente di risiedere sotto la Mole, per beneficiare beneficiato del reddito. La donna, insieme al marito, utilizzando documenti e dichiarazioni false, presentava le istanze senza che ci fosse il requisito previsto dalla normativa di risiedere da almeno dieci anni in Italia di cui gli ultimi due in modo continuativo. A coadiuvarli c’erano i quattro romeni che facevano da collettore” tra la coppia e i beneficiari della prestazione. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel mirino della Procura di Vibo l'ex direttore artistico Gilberto Floriani, il suo "braccio operativo" Valentina Amaddeo e tre dei suoi cinque figli. Ecco le accuse
Il veliero è stato intercettato da una motovedetta della Guardia costiera di Crotone a poche miglia dalla spiaggia di Marina di Strongoli
Il magistrato in aula al termine della requisitoria aveva invocato la condanna a 4 anni di reclusione
Nelle motivazioni della sentenza la stima incondizionata del boss di Zungri per l'avvocato "truffaldino e imbroglione"
rinascita scott
Nelle motivazioni della sentenza di "Rinascita Scott", la strategia della pacificazione imposta dal boss per ottenere il consenso della popolazione e l’assoggettamento spontaneo degli imprenditori
"Due risultati in un colpo solo: l’abbellimento di quel tratto di lungomare e la sua messa in sicurezza per la stagione estiva"
Le precisazioni della Cittadella dopo la bufera giudiziaria che ha portato a due arresti: "Non è un ente regionale"
Il collegio di Vibo spiega la condanna a 5 anni e 6 mesi per il militare accusato di favoreggiamento aggravato dalle modalita mafiose
L'inchiesta della Procura regionale della Corte dei Conti che chiama in causa i presunti responsabili di un danno erariale di 1,5 milioni di euro
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved