Calabria7

Reggio, ‘L’Agorà’ presenta istanza per luogo intitolato a Joe Petrosino

Il Circolo Culturale “L’Agorà” apprende a mezzo stampa, con compiacimento per la decisione sia del primo cittadino Giuseppe Falcomatà che del presidente della Commissione toponomastica del Comune di Reggio Calabria Giuseppe Cantarella, di dedicare un luogo pubblico all’ingegnere e ispettore del lavoro Demetrio Quattrone,vittima innocente della ‘ndrangheta, barbaramente ucciso il 28 settembre del 1991 a Villa San Giuseppe.

Tenuto conto dell’impegno e delle linee guida che la Giunta Falcomatà rivolge alla trasparenza ed alla tutela delle regole questa Associazione ha inteso inoltrare, a mezzo PEC, apposita istanza relativa all’intitolazione di un luogo pubblico, individuando anche l’area, rivolta al famoso detective italo-americano JOÈ PETROSINO.

Tale scelta nasce in considerazione delle linee programmatiche che la Giunta Falcomatà intende proseguire rivolte alla legalità e tali intendimenti vanno idealmente ad intrecciarsi col noto uomo di legge e difensore della legalità, ucciso dalla criminalità organizzata Palermo nella serata del 12 marzo 1909. La Toponomastica è un codice identitario che va a delineare la struttura storica di un territorio, di una Città. Essa rispecchia la volontà dei suoi amministratori a far ricordare, anche alle future generazioni quelle persone che furono esempio, quindi storie di uomini.

Non è la prima volta che il Circolo Culturale “L’Agorà” si fa carico di queste iniziative, inerenti all’intitolazione luogo pubblico, limitandosi a ricordare nella presente comunicazione, quelle indirizzate a questa Amministrazione:
1) Sig. LASCALA FRANCESCO ANTONIO,reggino,ferroviere,vittima della strage di Bologna del 2 agosto 1980 (protocollo n. 12582 del 6 agosto 2018);
2) Prof. VITTORIO BARONE ADESI, sindaco di Reggio Calabria (protocollo n. 63360 del 16 aprile 2018);
3) MARTIRI UNGHERESI DEL 1956 (prot. n.169350 del 28 ottobre 2016), approvata con delibera di giunta n. 215 del 24 settembre 2018);
4) VITTIME DELLA STRAGE DI PARIGI DEL 13 NOVEMBRE 2016 (prot. n. 164850 del 19 novembre 2015);
5) VITTIME DEI BOMBARDAMENTI DEL 6 MAGGIO 1943 (piazza interna di Tremulini, isolato 87-88) – inviata a mezzo PEC 9 luglio 2019;
6) ANGELO D’AMBROSIO, reggino che ebbe a ricoprire ruoli di notevole livello sia nei ranghi militari che in quelli diplomatici e per tali meriti ricevette una serie di encomi a tal riguardo, come ad esempio la Legion d’onore – inviata sia su cartaceo che a mezzo PEC 4 luglio 2019;
7) VICE BRIGADIERE MARIO CERCIELLO REGA – inviata a mezzo PEC 29 luglio 2019;
8) TERESA TALOTTA GULLACE, reggina,vittima della RESISTENZA – inviata a mezzo PEC 13 agosto 2019;
9) AULO LICINIO ARCHIA,(rettifica),poeta greco antico,cittadino onorario di Reggio – inviata a mezzo PEC 26 agosto 2019;
10) CHIARA BARILLÀ al secolo SUOR TERESILLA,(rettifica) – inviata a mezzo PEC 23 settembre 2019.
Pur tenendo conto di alcune dichiarazioni, non molto distanti nel tempo, da parte del lungimirante ed attivo prof. Cantarella, presidente della Commissione Toponomastica, dove afferma che “La Commissione Toponomastica ha le porte sempre aperte: qualunque associazione può prendere contatto con noi, sia per formulare proposte, sia per ricevere direttamente informazioni corrette e puntuali”, il Circolo Culturale

“L’Agorà” attende precise risposte a tal riguardo dall’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria, senza polemica alcuna.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, il 30 maggio Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali

Matteo Brancati

Chiusura Villaggio Guglielmo, il presidente Volpi : “Ecco la verità”

nico de luca

Procuratore antimafia: contrastare criminalità italiana anche all’estero

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content