Calabria7

Regionali, Aiello: “No a Occhiuto, il centrodestra deve indire le primarie”

“La candidatura di Occhiuto alla presidenza della Regione Calabria è inidonea perché frutto di un salto in avanti e non di una concertazione tra i partiti della coalizione”. Lo ha detto Piero Aiello, questa mattina, a radio Crt nel corso di una intervista rilasciata al giornalista Ugo Floro.

L’ex parlamentare ha negato che la candidatura-Occhiuto sia espressione di Forza Italia affermando che essa sarebbe scaturita da una riunione ristretta della direzione azzurra regionale dalla quale furono esclusi rappresentanti importanti con la conseguente mortificazione dei territori, e di migliaia di elettori: “Prova ne siano – ha spiegato – i risultati non brillanti ottenuti dagli azzurri alle ultime consultazioni europee. Bisogna aprire il partito alla società, per questo la soluzione migliore – ha proseguito – è quella di indire primarie di centrodestra,​ per la scelta del migliore candidato, così come auspicato dal coordinatore Toti”.

Riguardo ai dubbi sulla sua appartenenza politica,​ ma anche dei fratelli Gentile, espressi la scorsa settimana da Domenico Tallini, Aiello ha parlato di​ “becere strumentalizzazioni”, precisando che​ non è compito di Tallini “stabilire con chi siamo dal momento che i fatti politici ed elettorali parlano chiaro se è vero​ che il sottoscritto si è candidato lo scorso anno con Fi alle parlamentari, così come ha partecipato alla stessa competizione Andrea Gentile”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Regionali, campagna elettorale ancora “spenta”. Solo Aiello e Tansi si muovono senza sosta

Danilo Colacino

Acqua inquinata, Guccione: “Cosentini devono sapere verità”

Matteo Brancati

Occhiuto: “Rinvio a giudizio, si accerterà mia estraneità”

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content