Regionali, Bova a Calabria 7: “Accordo Pd-Leu-M5S si farà”

di Alessandro Manfredi – Il caos regna sovrano nella politica nazionale ed in quella regionale. Un caos che ha lasciato sul campo un elenco di plausibili risvolti, ma ad oggi, probabilmente, in pochi azzarderebbero a delinearli in assoluto. Colpa di un quadro tutto da dipingere, con i colori ancora da abbinare. Noi di Calabria 7 tentiamo allora di ricostruire i pezzi e dar loro un ordine quantomeno auspicabile, consapevoli che il “tutto  può accadere” non è semplicemente un modo di dire.

Un primo confronto sulla situazione attuale lo abbiamo voluto con uno dei protagonisti in campo, uno dei politici che più di tutti, in Calabria e non solo, hanno desiderato e spinto per un accordo tra il centrosinistra formato da Pd e Leu e il Movimento 5 Stelle. E’ il consigliere regionale di Leu-art.1, Presidente della Commissione Regionale contro la ‘Ndrangheta, Arturo Bova, che a Calabria 7 spiega il suo punto di vista, svelandoci cosa accadrà.

Un primo confronto sulla situazione attuale lo abbiamo voluto con uno dei protagonisti in campo, uno dei politici che più di tutti, in Calabria e non solo, hanno desiderato e spinto per un accordo tra il centrosinistra formato da Pd e Leu e il Movimento 5 Stelle. E’ il consigliere regionale di Leu-art.1, Presidente della Commissione Regionale contro la ‘Ndrangheta, Arturo Bova, che a Calabria 7 spiega il suo punto di vista, svelandoci cosa accadrà.

“Tutto ha un’origine ben precisa – afferma Bova – cioè la nascita del Governo Giallo-Verde. In quel caso, due soggetti politici, che in campagna elettorale si erano fortemente contrastati ed insultati, si sono uniti sulla base di un accordo programmatico. Per quanto azzardato ed incoerente, quel governo, benedetto dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, può aver creato casualmente un nuovo modello, che ora si ripete in maniera simile nel nuovo Governo Giallo-Rosso. L’elemento che ha provocato tutto ciò è la legge elettorale, perché con quella attuale nessun partito avrà mai il 40% e da qui nasce il caos.

In Calabria – prosegue Bova – si replica lo scenario nazionale, con fenomeni non prevedibili e fuori dalle regole della politica tradizionale, persino oltre gli “accurduni”. I due possibili candidati Mario Oliverio e Mario Occhiuto, in campo da tempo, sembrano ai margini. Il Pd e Leu hanno scelto di ripetere alle regionali l’accordo di governo e di andare insieme, con un candidato comune e che rappresenti un vero rinnovamento. E, andando oltre a giudizi positivi o negativi su Oliverio, questa è stata la scelta che seguiremo in Calabria. Il caos regna anche nel centrodestra, con Occhiuto al de profundis, ma ribadisco, nulla è ora scontato. Anche l’accordo tra centrosinistra, associazionismo, M5S e movimenti vari, con il quale si vuole governare la Calabria, non è determinato e sottoscritto. Si sta lavorando per raggiungere un accordo, ma per farlo serve la buona volontà di tutti. Voci di corridoio collocano M5S come padri della candidatura con la condizione che anche le liste dei candidati siano nel percorso del rinnovamento e del cambiamento. Io che ho spinto tantissimo per l’alleanza auspico che i 5 stelle scelgano la razionalità politica. Non si può ragionare solo con impulso. Io credo in questo accordo, perché dalle cose più strane a volte nascono le cose più importanti. Serve ritrovarsi con un programma politico comune e già sarebbe una grande novità per la politica calabrese, dove i gruppi di potere scelgono di tutelare se stessi e i propri interessi mettendo sul tavolo tutto questo e non di certo, come potrebbe accadere tra noi, i veri problemi della Calabria e le soluzioni da raggiungere insieme.

La politica – conclude Bova – si fa all’aperto, nei circoli, nelle piazze e gli elettori non si chiamano solo al voto. Io mi aspettavo che Oliverio, che tanto ha ricevuto nella sua storia dalla sinistra, capisse che per il progetto comune era necessario farsi da parte, per agevolare il cammino del cambiamento”. Dunque, per vedere ordine tra il caos diffuso basterà aspettare poche settimane, tuttavia Arturo Bova ha le idee chiarissime in merito e senza dubbi chiosa: “Sì, sono convinto, l’accordo Pd-Leu-M5S in Calabria si farà”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Necessario intervento di riparazione a causa di una sfilatura della condotta idrica dell'acquedotto del Guerriccio
L'uomo, di 55 anni, era sottoposto ai domiciliari da oltre tre anni. Accolta dal Tribunale collegiale di Lamezia l'istanza degli avvocati
Attraverso una storia sul suo profilo Instagram, il rapper ha reso note le sue condizioni e ha ringraziato tutti per i messaggi ricevuti
L'assistente capo coordinatore della Polizia Stradale di Catanzaro è deceduto il 20 settembre 2020 in un tragico incidente stradale
Forniture di apparecchiature sanitarie in cambio della sponsorizzazione di una società del dirigente medico a spese dell'Azienda ospedaliera
Prima i segnali social, poi i velati messaggi di alcuni colleghi e la "buca" ad alcuni grossi eventi. C'è apprensione per il rapper milanese
Tra i messaggi di solidarietà anche quello della Lega Salvini Calabria che condanna il gesto definendolo "vile e inaccettabile"
Al momento dell’incidente si trovavano in transito i vigili del fuoco che hanno subito liberato una persona dall'abitacolo
Soddisfazione per la partecipazione alla seconda edizione del festival nazionale della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome
La cerimonia, come anticipato durante il Festival del Peperoncino, avrà luogo il 2 ottobre nella Sala Consiliare del Comune di Diamante
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved