Calabria7

Regionali, Callipo: “Insieme si può fare la rivoluzione”

callipo coronavirus

Pippo Callipo, candidato alle prossime elezione regionali, annuncia il prossimo incontro

​«Ci vediamo sabato 4 gennaio a Lamezia Terme. Domande senza filtri. Botta e risposta sul futuro della Calabria. Non ho nulla da nascondere. Vi aspetto: insieme possiamo fare la rivoluzione». Così il candidato alla Presidenza della Regione, Pippo Callipo, ha annunciato sulla sua pagina Facebook l’incontro “100 domande per Pippo” che si terrà domani, alle 10,30, al T Hotel a Feroleto Antico (Catanzaro).

«Il primo, rivoluzionario passo che deve fare chi aspira a guidare la Regione Calabria è ascoltare. Dovrebbe essere normale ma purtroppo non lo è». A questo è improntata fin dall’inizio la campagna elettorale del candidato alla Presidenza della Regione Pippo Callipo che stasera, a Vibo Valentia, ha incontrato nella sede del Sistema bibliotecario una nutritissima platea di giovani per affrontare il tema della “questione generazionale”. Callipo ha comentato i recenti dati di Unioncamere, secondo cui il 22% degli imprenditori under 35 calabresi negli ultimi sette anni ha scelto di realizzare la propria impresa fuori dalla Calabria, per poi sottoporsi alle numerose e incalzanti domande dei giovani intervenuti all’iniziativa, impegnati nel mondo dell’associazionismo, dell’università e del sociale. Tutti concordi nel “fotografare” la lontananza comunicativa delle classi dirigenti dalle nuove generazioni, i ragazzi presenti hanno comunque apprezzato l’approccio «pratico» ai problemi e il «linguaggio chiaro» dell’aspirante governatore. Il quale ha subito raccolto la sfida di «riempire il solco che si è creato tra i cittadini e la politica».

«In Calabria – ha aggiunto Callipo – ci sono tanti giovani bravi e appassionati che fanno della cultura, del turismo, dell’agricoltura la loro ragione di restare o di tornare in Calabria. La Regione non deve fare altro che ascoltarli e metterli in condizione di operare insieme, di aiutarsi reciprocamente, e creare gli spazi in cui possano costruire le loro proposte. In questi laboratori di idee, che dobbiamo tenere liberi dagli interessi della peggiore politica, può nascere il futuro della Calabria. Questa è la nostra rivoluzione. E il 26 gennaio si decide il nostro destino: non consegniamo la Calabria ai vecchi marpioni che stanno in alcune delle liste dei nostri competitor».

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Caso easyJet, l’indignazione di Fratelli d’Italia-Lamezia Terme

Maurizio Santoro

Gratteri: “Non mi candido a regionali”

manfredi

Covid, Conte chiede nuovi sacrifici: “Ci sarà impennata del virus”

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content