Calabria7

Regionali, Occhiuto: “Centrodestra unito. Nessun problema con Fratelli d’Italia”

“Oggi non c’è la possibilità” del partito unico del centrodestra, “perché c’è un centrodestra di governo costituito da Forza Italia e Lega e poi c’è Fratelli d’Italia all’opposizione, per cui rafforzeremo forme di coordinamento tra i capigruppo dei tre partiti del centrodestra”. Lo ha detto il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Roberto Occhiuto, con riferimento al progetto del partito unico del centrodestra, parlando con i giornalisti a Catanzaro, a margine di un incontro nella sua veste di candidato presidente della Regione.

“Io – ha esordito Occhiuto – appartengo a un partito fondato da Berlusconi, che è anche il fondatore del centrodestra, è il più grande federatore della storia politica nazionale. Berlusconi sarebbe interessato persino al partito unico ma del centrodestra, capace di comprendere quindi oltre a Forza Italia la Lega e Fratelli d’Italia. Oggi non c’è questa possibilità perché – ha rilevato il capogruppo di Forza Italia alla Camera – c’è un centrodestra di governo costituito da Forza Italia e Lega e poi c’è Fratelli d’Italia che legittimamente ha scelto di seguire un’altra via e di stare all’opposizione, per cui rafforzeremo forme di coordinamento tra i capigruppo dei tre partiti del centrodestra e anche delle altre formazioni politiche del centrodestra presenti in Parlamento, e all’interno del centrodestra di governo, tra i ministri della Lega e di Forza Italia insieme ai capigruppo di Forza Italia e Lega. Già nei prossimi giorni – ha aggiunto – forse sarò costretto a interrompere per un giorno la mia campagna elettorale per ragionare su come strutturare questa forma più stringente di coordinamento, e in Parlamento e nel governo”.

“Su candidati seguirò indicazioni Antimafia”

“Prenderemo le indicazioni della Commissione Antimafia e le trasferiremo nelle liste”. Lo ha affermato il capogruppo di forza Italia alla Camera, rispondendo a una domanda dei giornalisti sulla valutazione delle liste alle Regionali da parte della Commissione parlamentare antimafia. “Le prime indicazioni – ha spiegato Occhiuto – dovrebbero arrivare mercoledì pomeriggio. Io prenderò le indicazioni come oro colato, farò, se ci dovesse essere necessità, solo qualche eccezione su reato di abuso d’ufficio, perché a livello nazionale il centrodestra è impegnato per impedire che i sindaci, a volte perseguiti per abuso d’ufficio per responsabilità oggettive e non soggettive, siano inseguiti da problemi del genere che non meritano di vivere.

Ma sarà l’unica eccezione, se dovesse esserci qualche caso del genere. Per il resto prenderemo le indicazioni della Commissione Antimafia e le trasferiremo nelle liste. Ma è possibile – ha sostenuto il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione – che nelle liste ci siano anche altre sorprese, perché la mia intenzione è dimostrare alla Calabria che c’è un centrodestra che ha al suo interno le forze e le energie per rigenerarsi e per diventare proposta politica nuova e innovativa per la Regione”.

L’unità del centrodestra c’è sempre stata. Con Fratelli d’Italia non abbiamo avuto mai problemi. Lo screzio è stato a livello nazionale e per fatti nazionali. Il centrodestra quindi – ha continuato Occhiuto – sarà unito in Calabria perché soprattutto in Calabria, che è la regione che ha più problemi in Italia, c’è necessità di un centrodestra unito, forte vincente”.

“Governo insista per crisi Afghanistan al G20”

Il governo “deve insistere sulla necessità di portare la discussione sulla crisi in Afghanistan all’interno del G20, perché nel G20 sono rappresentati la Cina, la Russia, la Turchia, l’Arabia Saudita”. Così il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Roberto Occhiuto, a margine di un incontro a Catanzaro nella sua veste di candidato del centrodestra alla presidenza della Regione. Secondo Occhiuto, “oggi che l’America in qualche modo dimostra di non essere più così capace di svolgere il proprio ruolo come è stato nei decenni precedenti, c’è necessità di una comunità internazionale forte, che sappia trovare insieme le soluzioni.

Soluzioni diplomatiche nella comunità nazionale, non rispetto al regime afghano, che è un regime di talebani, tagliagole, misogini e che non credo possa diventare moderato da un giorno all’altro. Però, dobbiamo fare tre cose: intanto bisogna dare asilo a quelli che sono stati illusi da noi occidentali e non vogliono vivere con i talebani, si tratta di poche centinaia di migliaia di afghani che hanno collaborato con le nostre truppe e hanno diritto di tornare per non essere perseguitati nel loro Paese. Poi – ha aggiunto il capogruppo di Forza Italia alla Camera – dovremmo fare in modo di mettere in campo, insieme all’Europa, strumenti per evitare infiltrazioni terroristiche in Europa e quindi anche in Italia.

Il terrorismo internazionale ora ha una patria, l’Afghanistan, e dobbiamo fronteggiare questa situazione nuova: l’Italia non può farlo da sola, lo deve fare l’Europa. Il terzo aspetto è quello legato all’esodo di massa, che probabilmente ci sarà: anche qui l”Italia non può essere lasciata da sola, l’Europa insieme alla comunità internazionale deve fare il suo lavoro evitando – ha concluso Occhiuto – che i paesi di frontiera come il nostro siano lasciati da soli ad affrontare questa emergenza umanitaria”.

“Partita decisiva per la Calabria”

“La partita decisiva per la Calabria, occasione fondamentale. La regione ha una fortuna, ha uno dei migliori prodotti della propria terra per esperienza personale, competenza, percorso professionale e politico: oggi si mette in gioco Roberto Occhiuto. Sud in Testa non vuole essere la solita lista politica, vuole dare un contributo di uomini e donne ma soprattutto di idee e proposte valorizzando quella che è la capacità amministrativa soprattutto di amministratori locali”. Così Andrea Caroppo, eurodeputato del Partito popolare europeo e fondatore nazionale di Sud in Testa.

“Dobbiamo – conclude Caroppo – sostenere soprattutto le persone del fare, chi si è messo in gioco per la propria terra e ha dimostrato di avere a cuore la Calabria ed è fuori dai soliti schemi clientelari. Per questo abbiamo scelto di puntare nel collegio del Centro (Catanzaro, Crotone, Vibo) sulla figura dell’editore Pablo Salvatore Gaetano che sosterremo all’interno delle liste Forza Italia”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Celia: “Amc non garantisce servizio adeguato, utenti arrabbiati”

Carmen Mirarchi

Catanzaro, Gironda: “Granato maestra di speculazioni politiche”

Mirko

Cinema Orso a Lido, aperta la vendita immobiliare

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content