Regionalismo differenziato, Angotti: “Ipotesi che non può passare”

Ex Educandato

“L’intero gruppo consiliare di Catanzaro da vivere nutre dubbi serissimi sull’ipotesi di regionalismo differenziato avanzata dalle classi dirigenti delle Regioni a statuto ordinario di Emilia Romagna, Veneto e Lombardia. È un’ipotesti che permetterebbe a quelle Regioni di acquisire ulteriori forme di autonomia disponendo, di conseguenza, di nuove entrate attraverso un’incidenza significativa sull’attuale meccanismo di trasferimento dei fondi statali.

Lo afferma in una nota il consigliere comunale Antonio Angotti.

Lo afferma in una nota il consigliere comunale Antonio Angotti.

Se queste Regioni, allo stato attuale, ritengono di essere penalizzate, allora non capisco quanto possano ritenersi penalizzate quelle del sud, come la Calabria: il regionalismo differenziato aprirebbe un nuovo e inedito scenario, giustamente definito dall’economista Gianfranco Viesti come “secessione dei ricchi”, dal momento che Lombardia, Emilia Romagna e Veneto producono oltre il 50% del Pil italiano.

Bene ha fatto il sindaco Abramo, in qualità di presidente della Provincia e di Upi Calabria, a incontrare il presidente regionale dell’Anci, Gianluca Callipo, per condividere la necessità di unire gli sforzi e combattere la sperequazione, che verrebbe causata dal regionalismo differenziato, a tutela del territorio regionale, soprattutto su temi di particolare importanza quali istruzione e sanità.

C’è un problema politico nell’aula del Consiglio comunale, così come anche in quella del Consiglio regionale, visto che non si può “consumare”, non essendovi rappresentati, un confronto con i referenti dei due partiti di Governo (Lega e movimento Cinquestelle).

La nostra azione si è concretizzata con il documento approvato dal Consiglio comunale all’unanimità: il testo verrà adesso affidato a tutta la delegazione parlamentare perché porti la nostra voce al Governo.

Il cardine, il “nucleo”, la centralità di questo problema politico è far uscire dall’equivoco i due partiti di Governo: da una parte la Lega, che cerca di accelerare i tempi del regionalismo differenziato per come gli viene richiesto, e per come pretende il suo zoccolo duro (il nord, e in particolare il nord-est), e contestualmente cerca di mascherare lo scompiglio che, necessariamente, significherà deludere la gente delle regioni meridionali, dove la stessa Lega sta mettendo radici e sta crescendo.

Dall’altra parte i Cinquestelle, dai quali si attende una presa di posizione chiara rispetto al principio costituzionalmente sancito dell’unità nazionale e dell’erogazione di servizi omogenei su tutto il territorio italiano.

In mancanza di una scelta precisa di questi due partiti, si assisterà, e lo dico senza polemiche, a un ulteriore e continuo snaturamento dei Cinquestelle su questa e su altre tematiche, utilizzate come leve elettorali: mi riferisco a Tap, Tav, Ilva, vaccini, decreto sicurezza, immigrazione o legittima difesa, quest’ultima approvata alla Camera con la fronda di ben 25 deputati pentastellati. Se non reagiranno, e mi aspetto lo facciano soprattutto i parlamentari meridionali, dimostreranno di essere completamente piegati alle direttive e alle imposizioni della Lega: altro che Contratto di Governo, e poco importa dell’unità nazionale”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il collaboratore di giustizia alla Dda di Catanzaro: "L'avvocato mi ha regalato 2mila euro per l'impegno profuso"
La deputata del Pd ha fatto notare, inoltre, l’assenza di rappresentanti del governo durante le celebrazione dell’anniversario della tragedia
La Corte d’assise di appello di Catanzaro ha rideterminato due pene e confermato la condanna al presunto capo-cosca Agostino Marrazzo
“Le deroghe vigenti sono insufficienti ed occorrono modifiche sostanziali, in linea con le istanze che provengono dagli agricoltori"
Gli allievi dell’associazione vincitrice salgono sul gradino più alto del podio 16 volte nella propria categoria e classe. In pista più di 1.000 ballerini
Tajani gli ha nominati, rispettivamente, presidente del Consiglio nazionale e responsabile della Conferenza dei segretari regionali
Il via a “Gli scacchi in carcere”, tutti i dettagli durante la presentazione presso la sala concerti del Comune
Il caso
Nei confronti del sacerdote è stata disposta la vigilanza radiocontrollata. Wanda Ferro: "Fare al più presto luce su questi inquietanti episodi"
Resistono ancora clima e temperature miti al Sud, da metà settimana però il maltempo raggiungerà anche la Calabria
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved