Calabria7

Riace, incandidabilità segretario Lega. Il sindaco: “Falchi dispiaciuto, si è dimesso”

«Appena appreso dalla Prefettura la questione inerente il consigliere Falchi, mi sono subito messo in contatto con lo stesso che, dispiaciuto che una vecchia questione di quasi 20 anni fa potesse nuocere all’onorabilità dell’amministrazione comunale, ha subito presentato le dimissioni».

Scoppiato il bubbone politico giudiziario sul segretario della Lega a Riace, dimessosi una decina di giorni fa dopo che la Prefettura aveva informato il consiglio comunale dell’incandidabilità del consigliere Falchi, il neo eletto sindaco Trifoli conferma quanto accaduto e si toglie qualche sassolino dalle scarpe. «La dimissioni sono state prontamente comunicate dal sottoscritto al dottore Campolo, responsabile enti locali della Prefettura, il quale sospendeva in questo modo la procedura da seguire per una eventuale incandidabilità. Pur nel rispetto delle vicende personali – dice ancora Trifoli – come amministrazione comunale siamo i primi a ribadire che il rispetto delle leggi è il cardine per la durata del mandato elettorale.

A questo proposito – chiude polemicamente il sindaco – ricordiamo alle opposizioni che non bisogna speculare politicamente su cose che riguardano esclusivamente responsabilità personali anche e soprattutto perché  alcuni dei componenti sono stati oggetto di indagine e anche rinviati a giudizio nella operazione Xenia e il cui esito è ancora in sospeso».

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Comune Catanzaro: le decisioni della Giunta

Andrea Marino

Catanzaro, Costanzo: “Ospedale Pugliese pronto in caso di emergenza?”

Mirko

Mirarchi: “Catanzaro elimini intollerabili barriere architettoniche”

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content