Calabria7

Riace, Lucano si ricandida a consigliere comunale

Mimmo Lucano

“Non è una scelta demagogica né retorica”, ma è “la volontà di ripartire per dare ancora un contributo”. Lo ha detto all’Agi Mimmo Lucano, sindaco sospeso di Riace (Reggio Calabria), commentando la sua candidatura a consigliere comunale del suo paese.

“Ho iniziato tanti anni fa dal basso, dai luoghi non luoghi, e – ha sostenuto Lucano – dal basso adesso voglio ripartire. Per me la politica ha il significato di un rapporto diretto con le persone, di dare un contributo per il riscatto della nostra terra. Partire dal basso consente poi anche di avere uno sguardo più aperto verso altri e più grandi orizzonti, perché siamo tutti interconnessi: partire dal basso per guardare a qualcosa di più grande, al mondo, alla globalità. Questo, del resto, è stato il messaggio politico di quello che abbiamo fatto a Riace”. Lucano ha poi specificato: “La mia candidatura a consigliere comunale a Riace non è una scelta demagogica, o retorica.

Avrei potuto benissimo approfittare dell’involontaria notorietà che mi circonda sia per le vicende legate al ruolo che ha assunto il modello Riace in tema dell’accoglienza, in un settore che è al centro del dibattito internazionale e divide politica e governi, sia per le mie vicende giudiziarie. Avrei potuto benissimo candidarmi al Parlamento europeo, su di me c’è stata in questo senso una forte pressione. Invece – ha spiegato – ho preferito fare questa scelta di candidarmi consigliere al mio paese per la volontà di dare un contributo a proseguire quell’esperienza positiva in tema di accoglienza e anche, perché no, per un fatto di orgoglio e persino di utopia, perché siamo legati a questa dimensione: e se la sinistra perde questa dimensione diventa come gli altri”. Lucano ha poi osservato: “Voglio trasmettere un messaggio anche alla politica nazionale, a quanti utilizzano il potere per interessi personali. Quando si sfrutta l’immunità che proviene da un mandato elettorale non si fa altro che dire a tutti che la legge non è uguale per tutti. Io ho sempre detto di volermi difendere nel processo e non dal processo, come qualcuno invece ha fatto utilizzando certi escamatoge, per non parlare di sottosegretari indagati per cose molto più gravi di quelle per cui io sono accusato. Ora – ha affermato inoltre il sindaco sospeso di Riace – voglio ripartire per dare un altro contributo. So che in una lista che si oppone a quella nella quale ci sono io sono in lizza candidati che si ispirano alla Lega e a Salvini. Vediamo come andrà”. Lucano ha infine riferito di aver formalizzato gli adempimenti burocratici legati alla sua candidatura a consigliere comunale riacese davanti un funzionario dell’ufficio elettorale del Comune di Stignano, centro che dista pochi chilometri da Riace.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Mostri di cemento in Calabria, abbattuti solo un decimo degli stabili da demolire

Maria Teresa Improta

Imponimento, l’ex consigliere comunale di Vibo Tedesco resta in carcere

Maurizio Santoro

Sottraggono 50mila euro a ragazza disabile, tre arresti nel Reggino

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content