Calabria7

Riapri Calabria II, attacco hacker alla piattaforma: la Regione rassicura

“La piattaforma su cui si erge il bando Riapri Calabria II ha subito un attacco da parte di hacker, la piattaforma non è mai saltata e già alle 10 di oggi sono state assorbite oltre 10mila domande, e adesso sono circa 18 mila”. Lo ha detto l’assessore allo Sviluppo economico, Fausto Orsomarso, nel corso di una conferenza stampa alla Cittadella per la presentazione di “Riapri Calabria II edizione”, il bonus una tantum da 1.500 euro a fondo perduto per microimprese e professionisti. Il bando della Regione Calabria ha una dotazione totale di 65 milioni di euro ed è stato presentato oggi alla presenza del presidente facente funzioni della Giunta regionale, Nino Spirlì.

Orsomarso è entrato nel merito della misura: “Il nostro contributo a fondo perduto è parametrato nella giusta misura. Possiamo aggiungere risorse per mitigare il clickday e anche per chi aveva già ricevuto un contributo durante il primo lockdown. Nonostante l’attacco hacker alla nostra piattaforma, avvenuto stamattina, non sarà seguito l’ordine cronologico. Si tratta di una platea potenziale di 43mila domande”. Quanto alla tempistica, Orsomarso ha aggiunto: “Le domande saranno chiuse entro il 30 novembre e Fincalabra, entro il 3 dicembre, farà le valutazioni. Alcuni codici ateco, come nutrizionisti e biologi, saranno compresi per la prima volta. Nelle prossime ore saranno pagati hotel, agenzie di viaggio. Domani uscirà il bando per il noleggio con conducente e, probabilmente, anche la manifestazione di interesse per i tirocini“. “Abbiamo la responsabilità – ha concluso – di pensare prima ciò che accadrà ad aprile. Dobbiamo programmare il futuro secondo una certa visione”.

“Siamo qui – ha osservato Orsomarso – per rivendicare il diritto di una Calabria che funziona e per trasferire una migliore informazione ai cittadini. Siamo orfani di una grande guida. Spirlì è riuscito a supplire le mancanze del Governo con le sue ordinanze. Lo ringrazio perché lavora senza sosta per questa terra”.

Spirlì: “Un bonus dal duplice significato”

“Sono 65 milioni (il riferimento è alla dotazione finanziaria del bando) che hanno un valore doppio, perché saranno spesi in Calabria. Arriveranno nelle case dei calabresi e daranno l’opportunità di aiutare altre imprese del territorio”, ha spiegato Spirlì. “Oggi è un’altra giornata – ha sottolineato il presidente ff – con il timbro dell’amministrazione Santelli, che ha avuto un rapporto diretto con la gente di Calabria. Sappiamo che 319 dei nostri comuni contano meno di 5mila abitanti, dove ci sono soprattutto piccole imprese. Se queste entrano in crisi, vi entrano anche le famiglie. I Calabresi sono stati tra i primi ad avere il sostegno da parte della Regione”. “Non abbandoneremo nessuno – ha aggiunto Spirlì. Dovremo continuare a confrontarci con i rappresentanti delle categorie. Con loro le decisioni diventano più precise e più facili. Sottolineare ogni volta le esclusioni è un’offesa nei confronti di chi è stato incluso. Dovremmo riflettere su questo”. (bru. mir.)

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Anas: nuova pavimentazione sull’A2, limitazioni a Reggio Calabria

manfredi

Trasportava droga sulla moto: un arresto a Pentone

Andrea Marino

Si presenta con passaporto falso in Questura, arrestato 21enne a Cosenza

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content