Calabria7

Riaprono museo Crotone e parco Capo Colonna

museo crotone

Da sabato prossimo, 11 luglio, riaprono al pubblico il Museo archeologico nazionale di Crotone e il Parco archeologico di Capo Colonna, entrambi diretti da Gregorio Aversa.

Lo comunica la direzione regionale Musei della Calabria, guidata da Antonella Cucciniello precisando che per favorire il rilancio del settore culturale e turistico, oltre che per il benessere della comunità locale, in questa prima fase gli accessi al Museo e al Parco saranno gratuiti.

In tutti e due i casi – nel rispetto dei protocolli sanitari predisposti per la prevenzione ed il contenimento del rischio di contagio epidemico da Coronavirus – sono previsti ingressi contingentati.

Al Parco di Capo Colonna, in particolare, potranno accedere massimo 10 persone per volta, mentre 4 sono i visitatori che, a turno, potranno ammirare i “tesori” del Museo di via Risorgimento.

Per queste ragioni la direzione dei musei invita a prenotare le visite telefonando ai rispettivi numeri 0962.934814 e 0962.23082, o tramite mail, agli indirizzi drm-cal.capocolonna@beniculturali.it e drm-cal.crotone@beniculturali.it.

I percorsi sono stati modulati al fine di evitare l’incrocio dei flussi e i visitatori saranno invitati a mantenere le opportune distanze di sicurezza e ad evitare gli assembramenti.

Il Museo archeologico di Crotone rimarrà aperto al pubblico tutti i giorni (escluso il lunedì), dalle 8.00 alle 20.00.

Per il momento potrà essere visitato solo il primo piano della struttura, in ossequio alle apposite linee guida ministeriali che tengono conto dei principi di sperimentazione, gradualità e sostenibilità.

Il Parco archeologico di Capo Colonna, invece, sarà accessibile al pubblico tutti i giorni (escluso il lunedì), ma in questo caso con orario di apertura dalle 9.00 alle 19.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Furti, rubato un computer in ufficio Regione

Matteo Brancati

L’anarchico catanzarese Roberto Elia rivive nel libro di Ventrici

manfredi

Beni culturali, Corrado: “A Crotone la fantasia è al potere”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content