Calabria7

Richiesta “pizzo” a ristoranti, fermati figli esponente ‘Ndrangheta

Carabinieri Tropea

Tre fratelli calabresi, figli di Francesco Amato, 55enne condannato per mafia nel processo contro l’Ndrangheta “Aemilia”, sono stati sottoposti a fermo di Polizia Giudiziaria dai Carabinieri della Compagnia di Guastalla, assieme ai colleghi della stazione di Cadelbosco Sopra e del Nucleo Investigativo del comando Provinciale di Reggio Emilia.

I tre, originari di Rosarno, sono accusati di estorsioni e minacce nei confronti di ristoranti e pizzerie di Reggio Emilia e provincia.

Le indagini, coordinate dalla Procura, hanno stoppato una serie di avvenimenti violenti registrati in due settimane.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Atto vandalico a Rossano, profanate alcune tombe nel cimitero comunale

Damiana Riverso

Acqua a Catanzaro, la strategia di Sorical e Comune per risolvere la carenza idrica

Maria Teresa Improta

Report Arpacal sui rifiuti: ” In Calabria la differenziata sale a +46%”

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content