Calabria7

Rifiuti abbandonati a Borgia, individuati e multati i trasgressori

L’emergenza sanitaria che limita spostamenti e socialità per il contenimento della diffusione del coronavirus, condizionando la quotidianità dei rapporti, sembra non avere alcuna influenza sul buon senso e sul senso civico di quanti continuano a considerare i bordi delle strade e gli spazi pubblici come una grande discarica a cielo aperto dove abbandonare ogni sorta di rifiuto. L’Amministrazione comunale di Borgia, guidata dal sindaco Elisabeth Sacco, grazie all’attivismo e all’operatività degli agenti della Polizia locale continua ad intervenire per perseguire l’inciviltà e ripristinare la pulizia dei luoghi, nel rispetto della tutela della salute e le opportune condizioni igienico-sanitarie.

In seguito ad una accurata attività di controllo sul territorio di competenza e capillari interventi, gli agenti di polizia locale, guidati dal Comandante Salvatore Scarfone continuano ad individuare l’identità di cittadini residenti a Borgia, ma purtroppo anche provenienti da fuori comune, che continuano ad abbandonare rifiuti in particolare lungo la Strada provinciale 46 e nella zona dell’ex villagio comunale.

Proprio dal controllo dei rifiuti abbandonati, gli agenti riescono a risalire ai “legittimi proprietari” comminando loro verbali che arrivano a costare agli incivili fino a 600 euro. A loro va il plauso di tutta l’Amministrazione e il ringraziamento del sindaco per il costante lavoro Nel reprimere veri e propri crimini ambientali. Nei giorni scorsi, infine, il Comune di Borgia ha interloquito con la Provincia di Catanzaro, ente competente dell’arteria interessata da una incessante attività di abbandono di rifiuti, e l’Ente ha assicurato l’avvia della bonifica della Strada provinciale 46 in tempi brevi.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sanità, Longo proroga le nomine dei commissari straordinari di Asp e ospedali

bruno mirante

Confartigianato lancia concorso idee per fare di Catanzaro la città dell’amore

Matteo Brancati

Emergenza Coronavirus, Ance chiede misura eccezionale per il settore edile

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content