Rifiuti abbandonati a Vibo, raffica di multe e diffide per gli “incivili”

Pugno duro del sindaco di Vibo contro i responsabili degli abbandoni di rifuti immortalati dalle telecamere: “Il tempo dell’impunità è finito”

È una lotta senza quartiere, quella attuata dall’amministrazione comunale di Vibo Valentia nei confronti di chi sporca e deturpa la città. Ma anche nei confronti di chi non pone in essere tutte quelle misure necessarie a ripristinare un decoro urbano che con tanti sacrifici viene garantito nella stragrande maggioranza del territorio comunale. Il pugno di ferro adottato dal sindaco Maria Limardo si sta traducendo, in queste ultime settimane, in multe e diffide, sia nei confronti dei privati cittadini che non rispettano le ordinanze e le leggi in materia ambientale, sia nei confronti delle ditte che non ottemperano a quanto previsto dai contratti.

Abbandoni immortalati dalle telecamere

Abbandoni immortalati dalle telecamere

“Non siamo disposti, come amministrazione, ad assistere passivamente a chi fa della nostra terra il proprio bidone dell’immondizia – incalza il sindaco di Vibo Maria Limardo – . Grazie ad un’attività di controllo ed alle riprese delle telecamere di videosorveglianza abbiamo potuto immortalare alcune persone che, come se nulla fosse, abbandonavano rifiuti a bordo strada o sotto un ponte. Purtroppo per loro è finito il tempo dell’impunità: sono già partite le multe. E tante altre ne arriveranno per chi non ha ancora compreso che la città e le sue frazioni vanno trattate come fossero il proprio giardino di casa”.

Riflettori accesi sulla ditta Ecocar

Ma l’azione di contrasto all’inquinamento non è diretta soltanto verso gli incivili. Il primo cittadino sta infatti insistendo quotidianamente affinché gli uffici procedano nei confronti della Ecocar, titolare del servizio, con lo scopo di far rispettare pedissequamente quanto disposto dal capitolato in tema di spazzamento delle strade, cosa che ha già permesso in passato di eliminare numerose micro-discariche. E qui il tono del sindaco è perentorio: “Non è tollerabile che la ditta intervenga a chiamata su quanto invece dovrebbe fare di routine. Ogni strada, ogni piazza, ogni angolo di Vibo Valentia e delle sue frazioni deve avere pari dignità. E questo anche in tema di pulizia e spazzamento. Il Comune, e quindi il cittadino, paga un servizio e pretendo che venga rispettato! Altrimenti sono pronta ad agire nei modi e nei luoghi opportuni”.

Multati anche i proprietari che non puliscono i terreni

Parallelamente, sono già partite altre multe nei confronti dei proprietari di terreni confinanti col suolo pubblico che non abbiano provveduto ad una adeguata pulizia. In alcuni casi, si è proceduto anche ad una esecuzione in danno. “Ho firmato una apposita ordinanza, la 865 del 6 giugno scorso, e non ammetto che possa esservi qualcuno che deliberatamente si sottrae a questo obbligo. Così come il Comune ha il dovere di fare la sua parte per mantenere pulita la città, parimenti i privati devono assumersi le loro responsabilità”.
E sempre in tema di responsabilità, in questi giorni il capo dell’esecutivo comunale ha dato mandato agli uffici di provvedere ad una “immediata sospensione di tutti i lavori in corso che riguardano l’interramento di condotte, fino a quando le strade non saranno ripristinate a regola d’arte e per come contrattualmente stabilito. Ho anche richiesto – conclude il sindaco Limardo – di avviare con l’ufficio legale ogni utile interlocuzione per valutare l’esistenza di danni in favore del Comune. Non mi sta bene che noi asfaltiamo e qualcuno rompe e non ripara”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved