Calabria7

Rifiuti, i 5 Stelle a Santelli: “Basta vantaggi a privati, sostituire dirigenti responsabili”

regione calabria m5s santelli

«Devono emergere tutte le incrostazioni sulla gestione dei rifiuti in Calabria ed è urgente confrontarsi con i vari livelli dell’amministrazione regionale per riprogrammarne il ciclo in modo che costituiscano una grande risorsa pubblica: per l’occupazione, la tutela dell’ambiente e della salute delle nostre comunità. La situazione è diventata insostenibile e non c’è più tempo da perdere». Lo affermano, in una nota, i deputati del Movimento 5 Stelle Giuseppe d’Ippolito e Paolo Parentela. «Chiediamo anzitutto un incontro con la presidente Santelli, perché se ci sono intoppi e ritardi volontari in ambito burocratico bisogna segnalarne ogni aspetto all’autorità giudiziaria.

Noi siamo pronti a farlo e insieme a Santelli, tenuto conto che per l’emergenza ambientale lo Stato mandò in Calabria un miliardo di euro e in fatto di rifiuti stiamo forse peggio di prima».

«Non intendiamo accusare qualcuno, ma è chiaro che vanno subito sostituiti – precisano i parlamentari 5 Stelle – tutti i dirigenti pubblici responsabili della realizzazione degli impianti, che ancora non esistono. Il nostro messaggio alla presidente regionale è inequivocabile, sia decisa e non tema alcunché. In attesa che si accerti chi e perché non ha raggiunto gli obiettivi di gestione virtuosa del ciclo regionale dei rifiuti, serve a stretto giro un piano completo – osservano i 5 Stelle – per affrontare l’emergenza in atto e poi per invertire la rotta: mai più ordinanze in deroga, nessun vantaggio a privati, creazione di Ambiti territoriali ed Ecodistretti più piccoli, pieno coinvolgimento dei sindaci e reale accelerazione delle procedure per il completamento degli impianti».

«Nel solo interesse dei calabresi vogliamo contribuire – concludono D’Ippolito e Parentela – a individuare soluzioni reali, benché la gestione dei rifiuti sia specifica competenza della Regione. A Santelli possiamo fornire la nostra competenza ed esperienza in materia e piena disponibilità a interessare il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, per il supporto tecnico che potrebbe dare il “suo” ministero. Santelli, però, sia tempestiva, ci ascolti, chiarisca il suo indirizzo su discariche e inceneritori e concordi con il colonnello Ultimo, assessore regionale all’Ambiente, una posizione netta sulle cose da fare e su quelle da non fare».

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il presidente del Consiglio regionale Tallini: “Elezioni subito”

Mimmo Famularo

Sud, Barbagallo: “Reddito meridionali è metà di quello del Nord”

Mirko

Regionali, Nesci ripropone sua candidatura a Governatore

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content